La brutta fine che ha fatto Capitan Findus

Capitan Findus è molto diverso da come era nel famoso spot. Non ha più niente. Ha perso la casa e anche il suo unico affetto. Il suo cane. Ecco come è ora

capitan findus giovanni cattaneo

Che fine ha fatto Capitans Findus? La Findus è diventata protagonista in questi giorni del boicottaggio M5S della trasmissione L’aria che tira. E il testimonial che ci propinava bastoncini di pesce dove è andato a finire? Lo racconta Libero, e non è una bella storia:

Capitan Findus, Giovanni Cattaneo, classe 1935, è stato privato di tutto quel che si può portare via a un essere umano. Incluso il sorriso. Non ha più una casa. Non ha parenti, non ha oggetti che gli appartengono, se non qualche cara fotografia ingiallita che è riuscito a portare viadi fretta mentre lo sradicavano dalla sua abitazione come fosse erbaccia, senza tener conto dei suoi bisogni, dei suoi desideri, delle sue emozioni, neanche dei suoi diritti più elementari.

Come un deportato. Ma soprattutto gli è stato strappato via il suo unico compagno di vita, quello che lui chiama «mio figlio». Il suo amato cane Com, un pastore tedesco che viveva con lui da sette anni.

«Vi prego, fatemi rivedere mio figlio, è il mio ultimo desiderio», ci chiede non appena entriamo nella sua stanza, al secondo piano dell’istituto P. Redaelli di Milano. Da tre anni vive qui, ma non si può dire che sia la sua casa.

capitan findus giovanni cattaneo

Come è potuto succede? Capitan Findus sarebbe vittima di una truffa:

Un destino brillante, sotto le luci della ribalta, segnato da quella che lui chiama «una truffa» ad opera di alcuni cittadini cinesi. Che ha dato origine ad un contenzioso. Giovanni,che ci prega di farlo parlare conun «avvocato giovane perché da giovani lavorano con più amore», ha così perso la sua casa in via Paolo Sarpi, andando a vivere in una casa popolare a Corvetto. Poi sfrattato per essere ricoverato in questa casa di riposo. Il suo cane, non potendo stare con lui in ospedale, è stato portato in un canile.

Individuato Com grazie all’intervento delcapogruppo di Fi nel Consiglio comunale di Milano, Gianluca Comazzi, è ora necessaria l’autorizzazione del personale veterinario affinché il Capitano e Com possano rivedersi. L’impedimento è costituito dalla presunzione che per il cane possa essere traumatico rivedere il proprio padrone dopo un distacco di almeno dieci mesi.

Lo spot con Capitan Findus

Tags:

Autore: Maria Teresa Mura

Sono nata a Roma il 14 dicembre 1970, ho fatto il Classico tanti anni fa, poi la facoltà di Chimica a La Sapienza. Ho lavorato in diversi campi, sono stata per anni coordinatrice capo di Giornalettismo. Ora il mio progetto si chiama Superstarz

0 commenti per “La brutta fine che ha fatto Capitan Findus”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche