L’interrogatorio di Fabrizio Corona

«Ho le fatture. Posso dimostrare che quei soldi li ho guadagnati con il mio lavoro», ripete Fabrizio Corona. Ma c’è qualcosa che non torna su quel denaro

bomba fabrizio corona

Oggi ci sarà l’interrogatorio di garanzia di Fabrizio Corona. L’ex re dei paparazzi dovrà spiegare al gip la provenienza dei soldi trovati nel controsoffitto in casa di Francesca Persi. Proventi delle sue serate pagati in nero? Secondo Corona sì, come riporta il Messaggero:

«Ho le fatture. Posso dimostrare che quei soldi li ho guadagnati con il mio lavoro», ripete a chi lo è andato a trovare in carcere. Da due giorni Fabrizio Corona è da solo in una cella San Vittore, isolamento necessario per proteggerlo da se stesso e dagli altri detenuti. «È abbattuto e soffre molto dal punto di vista psicologico», racconta chi lo ha incontrato, ma vuole difendersi. E oggi, nell’interrogatorio di garanzia davanti al gip Paolo Guidi, dovrà chiarire, tra le altre cose, la provenienza di quei 1,7 milioni di euro in contanti, divisi i nquindici pacchetti ben sigillati, trovati nel controsoffitto della casa di Francesca Persi, la sua collaboratrice e amministratrice dell’agenzia di promozione Atena

Ma c’è qualcosa che non torna nei conti di Corona. E anche il gip ne sembra convinto, soprattutto dopo il ritrovamento del conto corrente in Austria:

Per il gip tuttavia, come si legge nell’ordinanza, «sembra incredibile che Corona abbia racimolato circa 3 milioni di euro in neanche un anno di tempo, poiché solo dall’ottobre 2015 aveva modo di muoversi liberamente per svolgere le serate». Le indagini dovranno «verificare se quelle somme in parte derivassero da altri canali» e i pm intendono sentire tutti i clienti di Corona

Intanto Corona non dorme e non mangia:

Fabrizio Corona, secondo il suo avvocato Ivano Chiesa, in carcere starebbe soffrendo. “Starebbe come una persona in isolamento da due giorni, non dorme e mangia molto poco”, è quanto riferisce il legale

E ha ragione di essere preoccupato. Rischia di non uscire dal carcere per molto tempo:

nell’udienza dell’8 novembre il Tribunale di Sorveglianza potrebbe ratificare il provvedimento assunto in concomitanza con l’arresto, ovvero la revoca dell’affidamento in prova. Per Corona ciò significherebbe dover scontare il restante cumulo delle pene già definitive: cinque anni e un mese.


COSA HA DETTO CORONA NELL’INTERROGATORIO –
“Non ho mai guadagnato un euro in modo illecito in vita mia, quei soldi sono frutto del mio lavoro frenetico di 10 mesi e avevo intenzione di pagare le tasse e mettermi in regola”. Così si è difeso Fabrizio Corona nell’ interrogatorio davanti al gip di Milano, stando a quanto riferito dal suo legale, l’avvocato Ivano Chiesa.

“Quei soldi trovati nel controsoffitto e anche quelli in Austria – ha spiegato Corona al gip – sono frutto del mio lavoro e di quello della società Atena, dieci mesi di lavoro frenetico che ho portato avanti da quando ho ottenuto l’ affidamento in prova sul territorio e fino all’altro giorno”. L’ex re dei paparazzi, sempre a detta del difensore, ha anche aggiunto: “dopo averli nascosti e averne portato una parte in Austria, avevo intenzione di dare una svolta alla mia vita, di pagare le tasse e le sanzioni e di mettermi in regola”.

Secondo la difesa, non si tratterebbe nemmeno di evasione fiscale al momento, “perché i termini per pagare le tasse sono ancora aperti”. Corona, stando al suo difensore, rispondendo al gip ha ribadito più volte di non aver “mai guadagnato un solo illecito e quello che si dice è tutta una favola”. E ha sostenuto che se avesse voluto davvero far sparire “quel denaro, ci avrei messo poco”. La difesa già domani depositerà un’istanza di scarcerazione. Richiesta che sarà avanzata anche da Francesca Persi, la collaboratrice finita in carcere assieme all’ex fotografo dei vip.

Fabrizio Corona, tornato in carcere lunedì scorso per intestazione fittizia di beni e interrogato oggi dal gip di Milano, ha dato il suo assenso alla rogatoria inoltrata dai pm in Austria, dove avrebbe portato soldi in contanti. Lo ha spiegato il suo legale, l’avvocato Ivano Chiesa, chiarendo anche che lo stesso ex fotografo dei vip ha rivelato che in Austria “ci sono due conti” dove sono depositati “circa 900 mila euro”

Intanto la Procura di Milano ha presentato ricorso in Cassazione chiedendo di annullare il provvedimento con cui il gip Ambrogio Moccia alla fine di settembre aveva evitato a Fabrizio Corona di ritornare in cella riconoscendo la continuazione tra i reati di estorsione, tentata estorsione e bancarotta, per i quali è stato condannato in via definitiva

Leggi anche: Geraldine Darù: le foto della donna che ha testimoniato contro Fabrizio Corona

Autore: Maria Teresa Mura

Sono nata a Roma il 14 dicembre 1970, ho fatto il Classico tanti anni fa, poi la facoltà di Chimica a La Sapienza. Ho lavorato in diversi campi, sono stata per anni coordinatrice capo di Giornalettismo. Ora il mio progetto si chiama Superstarz

0 commenti per “L’interrogatorio di Fabrizio Corona”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche