La denuncia di Rose McGowan: sono stata violentata da un importante produttore di Hollywood

L’attrice protagonista della serie televisiva Streghe ha raccontato su Twitter di essere stata violentata da uno dei “capi di Hollywood” ma di non aver potuto fare causa perché la sua avvocato le ha detto che avrebbe perso “dal momento che ha recitato alcune scene di sesso”. Ma lei non ci sta e invita attori e attrici a fare terra bruciata attorno al suo stupratore (ma sarà dura)

rose mcgowan stupro hollywood

Tra le conseguenze delle dichiarazioni sessiste di Trump sul “prendere le donne per la figa” c’è il fatto che molte donne, famose o meno, hanno deciso di schierarsi contro l’atteggiamento prevaricatore di molti altri uomini (che non corrono per la Casa Bianca) nei confronti delle donne. Tra queste c’è l’attrice Rose McGowan (The Black Dahlia, Grindhouse, Machete e la serie TV Streghe), molto attiva nella campagna “Women can stop Trump” che ha recentemente raccontato di essere stata violentata da un dirigente di uno degli Studio di Hollywood.

#WomenCanStopTrump #RISE #goneviral #rosearmy #emilyslist

Un video pubblicato da Rose McGowan (@rosemcgowan) in data:

ROSE MCGOWAN ESCE ALLO SCOPERTO E DENUNCIA LA VIOLENZA SUBITA – Rose McGowan è uscita allo scoperto (come hanno fatto in passato Stoya e Kesha) su Twitter dove ha pubblicato alcuni post per raccontare quello che le è successo e soprattutto la difficile condizione che si è trovata costretta a vivere dopo lo stupro, per spiegare il motivo per cui spesso molte donne non denunciano le violenze subite. Non è la prima volta che l’attrice parla di quello che le è successo: in un’intervista a Buzzfeed dello scorso anno parlando della vicenda di Bill Cosby (si era appena scoperto che il protagonista de “I Robinson” era uno stupratore seriale) la McGowan disse che l’impossibilità di perseguire penalmente Cosby era disgustosa, e che in questo modo si toglieva qualcosa anche alle vittime, come era successo a lei:

That there’s no way to prosecute this man is disgusting and vile on every possible level. These rape and child molestation statutes of limitations — what the fuck? That’s murder. You’re killing somebody. You are taking part of someone’s soul. It’s happened to me

Un mese fa la McGowan era tornata sull’argomento in una risposta a Perez Hilton per dire che lei sapeva che cosa fosse lo stupro, sapeva che cosa significasse essere distrutta dalle telecamere e avere la propria vita sezionata ed esposta al pubblico per il piacere dei guardoni.

rose mcgowan stupro hollywood

Qualche giorno fa l’attrice è stata ancora più esplicita, spiegando che la sua avvocato (una donna) le aveva detto che non aveva alcuna possibilità di vincere la battaglia legale con il suo stupratore perché nella sua carriera aveva recitato (sic) scene di sesso ed era comparsa nuda sullo schermo.

rose mcgowan stupro hollywood

#WHYWOMENDONTREPORT – Inoltre a complicare la sua situazione c’è il fatto che l’ex compagno della McGowan aveva venduto il film al suo violentatore, che aveva il compito di distribuirlo il che è anche un indizio sull’identità dell’uomo visto che l’unico regista con cui si ha notizia la McGowan abbia avuto una relazione è stato Robert Rodriguez regista di Grindhouse e Planet Terror (dove recitava anche Rose) due film che risultano essere distribuiti (negli USA) dalla Dimension Films e quindi molti commentatori su Twitter ritengono che la McGowan stia riferendosi nemmeno troppo velatamente a Harvey Weinstein, uno dei produttori più potenti di Hollywood già in passato accusato di molestie dall’attrice Ashley Judd (all’epoca Weinstein si era difeso dicendo che era stato un rapporto consensuale e non fu incriminato). Denunciandolo probabilmente i due avrebbero rischiato di non poter far arrivare nelle sale la loro opera.  A quanto pare inoltre in molti nell’ambiente sono a conoscenza dell’episodio ma quasi nessuno ha espresso la propria vicinanza alla McGowan, che anzi è stata discriminata mentre il suo violentatore viene adulato (anche grazie alla posizione di potere che occupa nell’industria cinematografica).

rose mcgowan stupro hollywood

Due giorni fa infine la McGowan ha pubblicato su Twitter il testo di una lettera aperta a Hollywood dicendo chiaramente che gli uomini e le donne che lavorano nel settore sanno benissimo di cosa e di chi stia parlando. L’attrice invita tutti a essere coraggiosi e a prendere una posizione per isolare quelle persone che abusano delle donne che lavorano nell’industria cinematografica.

rose mcgowan stupro hollywood

È il momento di schierarsi, continua la McGowan, e smettere di condonare le azioni di questi “sociopatici” e aiutarli a commettere ancora altri crimini come quello che lei ha subito. Hollywood deve diventare un posto migliore dove uomini, predatori sessuali, come quello che l’ha violentata non devono più avere diritto di cittadinanza.

 

0 commenti per “La denuncia di Rose McGowan: sono stata violentata da un importante produttore di Hollywood”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche