Pamela Prati e il mistero sulla penale del GFVIP

La squalifica di Pamela Prati è una presa in giro? Viene invitata ai programmi Mediaset. Partecipa al GfVip. E siamo sicuri davvero che pagherà una penale?

pamela prati penale gfvip querela bettarini

Pamela Prati in un’intervista a Oggi parla della sua esperienza al Grande Fratello Vip e di quella famosa penale. Ricorda la scena del taxi e del microfono buttato per terra subito dopo la squalifica:

«Pentita non direi, certo mi aspettavo una reazione diversa: ho ricevuto molti apprezzamenti, ma anche parecchie critiche. Soprattutto sul web».

Però lei ce l’ha messa tutta per non passare inosservata…
«Sono una persona riservata e, secondo me, alcuni hanno equivocato certi miei atteggiamenti».

Equivocato?
«Certo. Non sono una persona maleducata e non credo di essere mai stata, in tutta la mia carriera, irrispettosa verso i colleghi o le persone che lavorano dietro le quinte».

«Chiamatemi un taxi» o il mancato saluto ai suoi coinquilini prima di lasciare la casa non l’hanno aiutata ad apparire così.
«Sono istintiva, non mi comporto calcolando quello che faccio. Mi hanno criticata per aver buttato a terra il microfono, ma non voleva essere un gesto polemico: l’ho fatto con naturalezza,l’ho semplicemente messo a terra»

E poi parla della penale:

Non mi dica che le tocca pagare una penale per la sua uscita discena da Gf Vip!
«Non volevo parlare di questo, la notizia è un’altra».

Aspetti, prima la penale…
«Guardi, non lo so. Nessuno ancora mi ha chiesto niente. Vediamo cosaaccadrà nei prossimi giorni».

E qui gatta ci cova. Infatti i concorrenti squalificati non vengono invitati in studio nelle puntate successive all’uscita dal reality. E non partecipano ad altri programmi Mediaset. La storia della squalifica di Pamela Prati è una finzione? Alberto Dandolo ne aveva già parlato:

Cosa c’è dietro la squalifica di Pamela Prati? Era davvero così arrabbiata per il trattamento che il Grande Fratello le ha riservato? La scenata in cui chiedeva di non essere ripresa e cercava un taxi era una finzione? Alberto Dandolo su Dagospia svela un retroscena che parla di business!

Nella memorabile, coattissima diretta di ieri sera Pamelona ha interpretato l’immagine che ha di se stessa. Quella della grande diva che, seppur sul viale del tramonto e costretta, per il vil denaro, a condividere la casa con celebrità del calibro delle Mosetti, non si piega alle dure leggi del reality!

La scenata del taxi per Pamela Prati in fuga dal Grande Fratello Vip

 

Il cortometraggio interpretato da Pamela è partito però già qualche giorno fa. La “divina” ha iniziato infatti durante la settimana ad agire fingendo di contravvenire, per capriccio, a quasi tutte le regole del gioco. Ha sapientemente evitato microfoni e telecamere chiudendosi ripetutamente nell’armadio, si è isolata dal gruppo. E ha persino tentato una fuga rocambolesca dalle mura della “casa-prigione” di Cinecittà.

Una volta appurato che non avrebbe perso un solo centesimo del suo cachet ( l’unica vera ragione che l’ha spinta a partecipare!), ha accettato , con largo anticipo rispetto alla diretta serale e in accordo con gli autori, di farsi eliminare dal gioco.

Ieri sera la scena madre, scritta con maestria e sapienza: la “diva” si impossessa totalmente di Pamela e inizia a spaccare microfoni, si chiude in cesso, urla e chiede di non essere più ripresa e fotografata.

La frasi cult: “Chiamatemi un taxi”, “ Qualcuno porti fuori le mie valigie!”

E non solo. Anche la lite con Signorini a questo punto è vera come una moneta da tre euro:

Una volta in studio Pamela torna in se, ritrova la sua identità e decide di sfanculare in diretta tv Alfonsina la Pazza. Resterà negli annali cafonal della tv del Biscione la sua frase rivolta al direttore di Chi: “ Tu stai zitto che fai l’opinionista e dici solo cazzate”.

La lite tra Pamela Prati e Signorini

Insomma Pamelona sapeva tutto? Ma che delusione!

Tags:

Autore: Maria Teresa Mura

Sono nata a Roma il 14 dicembre 1970, ho fatto il Classico tanti anni fa, poi la facoltà di Chimica a La Sapienza. Ho lavorato in diversi campi, sono stata per anni coordinatrice capo di Giornalettismo. Ora il mio progetto si chiama Superstarz

0 commenti per “Pamela Prati e il mistero sulla penale del GFVIP”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche