Mirco Ricci: il campione di boxe a processo per aver rapito un bambino

Mirco Ricci è accusato, e dovrà subire un processo, per il rapimento a scopo di estorsione di un bambino di 9 anni. Secondo il pm anche minacce di morte

mirco ricci rapimento

Mirco Ricci è accusato per il rapimento a scopo di estorsione di un bambino di 9 anni. Il piccolo aveva dichiarato in un interrogatorio:

«Non mi ha rapito. Non mi sono sentito ostaggio».

Ma, come racconta il Messaggero, questo non lo ha salvato dal processo:

A sei mesi dall’arresto per sequestro di minore a scopo di estorsione il pugile Mirco Ricci dovrà affrontare un processo in corte di assise. La procura ha chiesto il giudizio immediato e il processo si aprirà a piazzale Clodio il 12 novembre.

Sul banco degli imputati insieme al campione intercontinentale dei pesi massimi, ci sarà la madre, la sorella Francesca e la zia del piccolo. E una vicina di casa del residence di Val Cannuta, dove il bimbo, dal 20 al 22 aprile, sarebbe stato strappato alla mamma per costringerla asaldare un debito di droga di cinquemilaeuro.

La denuncia è stata fatta dalla mamma del bambino, 48 ore dopo il sequestro:

«Il pugile Mirco Ricci e i suoi parenti per costringermi a saldare un debito di 5.150 euro mi hanno portato via mio figlio». Aveva spiegato, «custodisco della cocaina in casa per loro, in particolare per la signora Palma, la madre del pugile, ma una parte della droga, secondo loro, è sparita e rivolevano subito i soldi». Appena Palma Condemi aveva saputo della perdita della sostanza, l’aveva chiamata all’alba e l’aveva fatta picchiare dal figlio Mirco, pugile professionista.

Poi Mirco Ricci e la sorella Francesca erano andati a casa di lei ed avevano preso il bambino. Un rapimento che si era aperto e chiuso nelle case del Caaf, a ValCannuta, uno dei dei dieci Centri di assistenza alloggiativa temporanea del Campidoglio. Gli agenti della Mobile, per arrivare alla liberazione, avevano intercetatto una telefonata chiave tra la zia del piccolo e il fidanzato dove si sentiva in sottofondo la voce di un bimbo in lacrime: «Voglio la mamma».

I quattro arrestati,però, hanno sempre rifiutato le accuse. «Quel bambino stava sempre con noi, specie con la zia, altro che rapito». Ricci, assitito dall’avvocato Daniele Francesco Lelli, ha detto di averlo portato anche in una palestra di pugilato. Per il pm Claudia Terracina, titolare dell’inchiesta, invece il piccolo sarebbe stato anche minacciato di morte.

guarda il servizio su Mirco Ricci accusato di rapimento

Tags:

Autore: Maria Teresa Mura

Sono nata a Roma il 14 dicembre 1970, ho fatto il Classico tanti anni fa, poi la facoltà di Chimica a La Sapienza. Ho lavorato in diversi campi, sono stata per anni coordinatrice capo di Giornalettismo. Ora il mio progetto si chiama Superstarz

0 commenti per “Mirco Ricci: il campione di boxe a processo per aver rapito un bambino”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche