Vittorio Andrei: il giallo della morte di Cranio Randagio, rapper di X Factor

Vittorio Andrei, rapper, non si è svegliato dopo aver partecipato la sera precedente a una festa. Due ragazzi lo hanno trovato privo di sensi

vittorio andrei cranio randagio morto

Vittorio Bos Andrei era stato scelto da Mika nell’edizione 2015 di x Factor. Ora Vittorio, nome d’arte Cranio randagio, è morto. E ancora non è chiaro perché, come racconta il Corriere:

sogni e progetti di «Cranio Randagio», nome d’arte di Andrei, si sono interrotti drammaticamente ieri mattina nella sua Roma, nell’appartamento di un amico in via Anneo Lucano, nel quartiere residenziale della Balduina. Il rapper non si è svegliato dopo aver partecipato la sera precedente a una festa con una dozzina di ragazzi. Il figlio del padrone di casa e un altro giovane, che erano rimasti a dormire con lui, lo hanno trovato privo di sensi. Hanno tentato di rianimarlo. Ma poi ormai in preda alla disperazione hanno chiamato un’ambulanza.

Al medico non è rimasto altro da fare che constatare il decesso di Andrei e avvertire la polizia. È infatti un giallo la morte dell’artista, orfano di padre — scomparso quando lui aveva solo 15 anni—, che aveva scelto quel soprannome per rivendicare la sua «libertà di pensiero» definendosi «pseudo-rapper paranoico», e che — dopo un lungo soggiorno in Australia, una fuga per lasciarsi alle spalle la sua tragedia familiare — si divideva fra la Capitale e Milano che lo aveva adottato come talento proiettato verso il successo.

Cranio randagio a X Factor 2015

Tanto che il suo primo album lo aveva intitolato «06-02-Crescere». Quasi a sottolineare la proiezione della sua vita con i prefissi telefonici di Roma e Milano. Fino al tardo pomeriggio di ieri gli investigatori del commissariato Monte Mario, diretti da Mario Cacace, hanno convocato i partecipanti al party. L’ipotesi è che il cantante sia stato stroncato da un micidiale mix di alcol e sostanze stupefacenti. A confermarla già nei prossimi giorni sarà l’autopsia. Nell’appartamento alla Balduina, dove il proprietario e padre di uno dei giovani si è precipitato in mattinata avvertito dal figlio, gli agenti hanno svolto un sopralluogo insieme con i colleghi della Scientifica alla ricerca di tracce di droga.

Di abuso di alcolici,invece, ce ne sarebbero state tante. Oltretutto gli stessi invitati avrebbero ammesso che nel corso della serata erano state aperte parecchie bottiglie. In attesa che la concausa dello stupefacente venga confermata dal medico legale, gli investigatori stanno svolgendo accertamenti per capire chi possa aver portato la droga alla festa. E chi l’abbia fatta consumare al rapper. In questo caso potrebbe essere contestata — non si esclude a tutti i partecipanti al party — la morte come conseguenza di altro reato. Fino all’omicidio in concorso. «È presto per il momento —spiega chi indaga —, fra qualche ora ne sapremo di più».

Le foto di Vittorio Andrei, “Cranio Randagio”

vittorio-andrei-cranio-randagio-morto-1

vittorio andrei cranio randagio morto

Tags:

Autore: Maria Teresa Mura

Sono nata a Roma il 14 dicembre 1970, ho fatto il Classico tanti anni fa, poi la facoltà di Chimica a La Sapienza. Ho lavorato in diversi campi, sono stata per anni coordinatrice capo di Giornalettismo. Ora il mio progetto si chiama Superstarz

0 commenti per “Vittorio Andrei: il giallo della morte di Cranio Randagio, rapper di X Factor”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche