Chi ha portato la droga alla festa in cui è morto Cranio Randagio

Chi ha portato la droga alla festa in cui è morto Cranio Randagio? Non è stato un pusher. E oltre a marijuana c’erano cocaina e anfetamine

vittorio bos andrei cranio randagio

Chi ha portato la droga alla festa in cui è morto Cranio Randagio? Come spiega Repubblica Roma non è stato un pusher:

c’erano anche «anfetamine e cocaina» alla festa nell’appartamento di via Anneo Lucano, alla Balduina, dove sabato scorso è morto il rapper 21enne, Vittorio Bos Andrei. Ieri, mentre centinaia di amici e fan si sono stretti intorno alla famiglia alla camera ardente, tributando l’ultimo saluto al musicista scelto da Mika per “X Factor” (i funerali svolgeranno nei prossimi giorni in forma strettamente riservata), altri partecipanti al party sono stati ascoltati dal dirigente del commissariato Monte Mario, Claudio Cacace.

I ragazzi hanno confermato le versioni degli amici già interrogati sabato. Aggiungendo un altro elemento: «Alla festa circolavano anche dosi di anfetamine e cocaina». Nessun pusher sarebbe entrato in casa. A portare la droga sarebbe stato qualcuno tra gli 11 invitati. Uno di loro, infatti, aveva dei precedenti per spaccio. Intanto il sostituto procuratore Pierfilippo Laviani ha disposto l’acquisizione dei tabulati telefonici dei cellulari dei partecipanti. E la scheda di intervento dei medici del 118.

Petrolio: XF10 e l’omaggio a Cranio Randagio, il rapper morto

Resta ancora da chiarire cose sia accaduto nell’appartamento della Balduina tra le 14 di sabato scorso, quando gli amici che erano rimasti a dormire dopo la festa hanno tentato di svegliare Cranio Randagio e le 15.05, l’orario esatto in cui è partita la chiamata all’ambulanza. Un tassello ancora mancante nel quadro della serata a base di alcol e droghe che è costata la vita al talento del rap

Intanto la famiglia e gli amici si preparano all’ultimo saluto per Cranio Randagio, come racconta il Messaggero:

In tanti hanno reso omaggio ieri presso la camera ardente del Policlinico Gemelli al cantante Cranio Randagio, nomed’arte di Vittorio Bos Andrei, 22 anni, morto per una festa “andata a male” nel quartiere della Balduina. Il rapper era stato trovato morto in un appartamento dove aveva trascorso un party notturno con alcuni amici. La madre Carlotta Mattiello ha fatto sapere: «I funerali si svolgeranno in data da destinarsi in forma strettamente privata». Probabilmente stamane.

Le foto degli amici di Cranio Randagio alla camera ardente

cranio randagio droga

cranio randagio droga

Leggi anche: Vittorio Bos Andrei: indagati gli amici di Cranio Randagio

Autore: Maria Teresa Mura

Sono nata a Roma il 14 dicembre 1970, ho fatto il Classico tanti anni fa, poi la facoltà di Chimica a La Sapienza. Ho lavorato in diversi campi, sono stata per anni coordinatrice capo di Giornalettismo. Ora il mio progetto si chiama Superstarz

0 commenti per “Chi ha portato la droga alla festa in cui è morto Cranio Randagio”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rubriche