SuperStarZ Logo

“There’s a Starman, waiting in the sky…”
David Bowie, Starman, Ziggy Stardust (1974)

Futile is resistance! Non c’è niente di più definitivo del provvisorio: non sono proprio le meteore ad essere da sempre protagoniste indiscusse dello showbiz? Da Grecia Colmenares (eroina delle telenovelas sudamericane degli anni ottanta e novanta), al ragazzo “Kicked in the head by a train” (fenomeno Youtube da 34M di views), una cosa è chiara: il futuro, anche su internet, è dei famosi per caso. Qualcosa, però, è cambiato dal secolo scorso: il ragazzo che prende un calcio da un treno in corsa è eterno, perchè potrai per sempre trovarlo su Youtube, così come le tipe di Ostia che sulla spiaggia vogliono solo Calippo e birra. Storie che resteranno nella caducità eterna.

 

Ecco: SuperstarZ è il mezzo attraverso cui star, fenomeni e tendenze rimangono impressi nella storia. SuperstarZ è il sito che fisserà le caducità nel trascorrere del tempo che ha spostato i continenti, ma non riesce a cancellare la memoria umana. Le SuperstarZ sono:
– PopstarZ
– WebstarZ
– SexystarZ
– LOLstarZ

PopstarZ & WebstarZ
Sono l’una agli antipodi dell’altra: le popstars arrivano su internet quando sono già popolari perchè si sono fatte conoscere attraverso un altro media. La PopstarZ per eccellenza è Lady Gaga. Le webstars, invece, compiono il percorso inverso e attraverso internet tentano di sorpassare la barriera degli altri media (e se ci riescono, WIN!). Il capitano della squadra non potrebbe essere altro se non GrumpyCat.

SexystarZ & LOLstarZ
Anch’esse opposte: le sexystars sono quelle che si capisce appartenere a detta categoria semplicemente da un’osservazione superificiale della loro persona. Sono eccitanti, cerebralmente o sessualmente, in grado di scatenare un’irrefrenabile attrazione nei loro confronti, proprio come Margot Robbie, alias Naomi Lapaglia, per intenderci la bionda di The Wolf of Wall Street). Al contrario, le LOLstars, consapevoli o no, sono il frutto del “vorrei ma non posso”: superstars mancate che fanno ridere, volontariamente o meno. A rappresentarle la trollface delle rage comics.

La copertina di SuperstarZ
Per l’immagine di partenza di SuperstarZ abbiamo scelto di ritoccare e modificare la famosissima copertina di “Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band” dei Beatles:

Realizzata su suggerimento di Paul McCartney da Jann Haworth e da Peter Blake e vincitrice del premio Grammy per la miglior copertina per album del 1968, costituisce uno dei prodotti più popolari mai creati dalla pop art, e fu in seguito parodiata da altri artisti tra i quali Frank Zappa nel suo We’re Only in It for the Money, nonché da società operanti nel settore dell’intrattenimento audiovisivo, quali Warner Bros e Geffen Records. Nel collage da cui essa è formata, i Beatles mettono insieme i loro personaggi simbolo, con l’idea di radunare il pubblico davanti a cui avrebbero preferito esibirsi: Albert Einstein, Marlon Brando, Karl Marx, Edgar Allan Poe, Sonny Liston, Lenny Bruce, Paramhansa Yogananda, Aleister Crowley e molti altri. Tra i soggetti messi in lista da Lennon – poi scartati – anche Gesù, Adolf Hitler e Gandhi (Wikipedia)

Qui si racconta in dettaglio la storia. Le quattro categorie sono rappresentate da quattro personaggi emblematici, che prendono il posto dei Beatles nella copertina di SGT Pepper’s: PopstarZ per eccellenza è Lady Gaga, Margot Robbie alias Naomi Lapaglia (protagonista di The Wolf of Wall Street) è la SexystarZ, GrumpyCat è la faccia perfetta per le WebstarZ mentre le LOLstarZ sono rappresentate dalla trollface delle rage comics. La scritta con i fiori è ovviamente SuperstarZ mentre alla vostra sinistra potete ammirare l’illustrazione realizzata da Magnus (il disegnatore Roberto Raviola, famoso per aver creato con Max Bunker Kriminal e Alan Ford) per il fumetto «Milady nel 3000» (*). E gli altri personaggi? Riuscite a riconoscerli tutti?

1. J. K. Rowling, 2. Ron Hubbard, 3. Jennifer Lawrence, 4. Corrado Guzzanti, 5. Giovanni Allevi, 6. Danny De Vito (as Penguin), 7. Roberta Bruzzone, 8. Charles Bukowsky, 9. Michael Jackson, 10. Sasha Grey, 11. Dita Von Teese, 12. Simbolo del dollaro $, 13. Heath Ledger (as Joker), 14. Josh Radnor (as Ted Mosby – How i met your mother), 15. Ed Sheeran, 16. Audrey Hepburn, 17. Vladimir Putin (caricatura Warhol Pussy Riot), 18. Google (icona), 19. Nicola Sparks, 20. Ian McEwan, 21. Beyoncé, 22. Leonardo Di Caprio, 23. Bello Figo, 24. Woody Allen, 25. Marylin Monroe, 26. Quentin Tarantino, 27. Fabio Volo, 28. Mignolo (Mignolo col Prof), 29. Banksy, 30. Prof (Mignolo col prof), 31. Diego Fusaro, 32. David Tennant (Doctor Who), 33. Mr. Dukan dell’omonima dieta, 34. Cara Delevigne, 35. Amy Winehouse,  36. Kate Moss, 37. Katy Perry, 38. Betty Boop, 39. Johnny Depp, 40. Daniel Radcliffe, 41. Jim Morrison, 42. Hugh Jackman, 43. Andrea Dipré, 44. Bear Grylls, 45. Paul Walker (fast&fourious), 46. Tumblr (icona), 47. Daniele Luttazzi, 48. J. R. R. Tolkien, 49. Maurizio Cattelan, 50. Cristiano Ronaldo,  51. Demi Lovato, 52. Tim Burton, 53. Steve Jobs, 54. Pistorius, 55. Kate Upton, 56. Harry Styles, 57. Zayn Malik, 58. Shirley Temple, 59. Louis Tomlinson, 60. Liam Payne, 61. Stephen Hawking, 62. Lady Gaga, 63. GrumpyCat, 64. Naomi Lapaglia, 65. Trollface, 66. Justin Bieber, 67. Uma Thurman, 68. Barack Obama, 69. Adam Kadmon, 70. Nicole Kidman, 71. Emma Watson, 72. Manichino (originale), 73. Manichino (originale), 74. Mexican Candlestick (originale), 75. Television set (originale), 76. Originale

La copertina è stata realizzata da Alessandro Giua per SuperstarZ

Web Masters: Giona Ferrandu & Enrico Marogna

SuperstarZ è un progetto collettivo realizzato per la cooperativa editoriale La Rapida HAL 9000.
LA RAPIDA HAL 9000 SOCIETA’ COOPERATIVA  è iscritta al Registro degli Operatori di Comunicazione in data 26/08/2014 con numero 24798 e la sua Partita Iva è 12953881005.  Gli autori di Superstarz sono Noemi Usai, Antonella Mura, Dario Ferri. Collaborano Luca Carano e Elsa Stella

Se vuoi altre info su SuperstarZ puoi visitare la pagina dei contatti.

Rubriche