La cagnetta che salva il proprio compagno ferito dalle pallottole

Una storia fantastica

ROMEO E GIULIETTA

Alcune storie con protagonisti eroi a quattro a zampe sembrano davvero delle favole, tanto il loro comportamento lascia a bocca aperta. Tra queste, la storia di Romeo e Giulietta, due cani che, dopo la loro incredibile avventura sull’isola greca di Zante, ora vivono in Gran Bretagna, in attesa di un nuovo padrone che li accolga… insieme. Sì, perché si tratta di due cani ormai inseparabili. Non a caso sono Romeo e Giulietta!

ROMEO E GIULIETTA

Foto da Mirror

ROMEO E GIULIETTA: LUI È FERITO, E LEI… – Chi potrebbe sparare ad un cane, e soprattutto per quale motivo? Purtroppo, però, esiste qualcuno che si diverte così. E tra le sue vittime il povero Romeo, un setter cross di due anni colpito ben 38 volte con delle pallottole velenose. In fin di vita e accasciato in un fosso, sarebbe morto presto per le ferite, oltre che per il freddo e per la fame, se non fosse stato per Giulietta, un altro cane da caccia, che vedendolo è rimasta ben tre giorni senza cibo per stargli vicino. Di giorno si recava sulla strada più vicina, cercando disperatamente di attirare l’attenzione di qualche passante. E c’è riuscita.

ROMEO E GIULIETTA

Foto da Mirror

E ORA SI CHIAMANO ROMEO E GIULIETTA – Grazie al tempestivo intervento dei veterinari, la critica situazione di Romeo, inizialmente dato per spacciato, è iniziata a migliorare. Ora i due sono stati ribattezzati Romeo e Giulietta vista la loro storia in un certo senso molto romantica, e sono volati in Gran Bretagna alla ricerca di un nuovo padrone che si prenda cura di loro. È molto probabile che fossero legati già da prima dell’incidente, dato che raramente due cani sconosciuti legano in simili condizioni. Storie come la loro sono davvero più uniche che rare! Nel frattempo, non è stato però individuato il colpevole. Perché si è accanito in quel modo contro Romeo?

Dopo Romeo e Giulietta, leggi anche questo! Noah: il cane che salva la padrona facendosi sparare al posto suo

Tags:

Rubriche