Serena Grandi chiede scusa a Giulia De Lellis per la lite “io ho vinto l’Oscar”

Tutti aspettavano la lite tra Serena Grandi e la De Lellis dopo il catifight a Domenica Live. E invece il “premio Oscar” ci delude alla grande

serena grandi chiede scusa de lellis

Incredibile. Siamo tutti sotto choc! Serena Grandi chiede scusa a Giulia De Lellis per la lite “io ho vinto l’Oscar” a Domenica Live. Ma al GfVip devono litigare? “È una leggenda metropolitana, ti chiedo scusa!”. La De Lellis spiega che per copione si dovevano scontrare, poi c’è stato un fraintendimento che però si è subito chiarito durante la pubblicità. La Grandi ammette “sono stata maleducata”. Ma come!!!!!

LA LITE TRA SERENA GRANDI E GIULIA DE LELLIS A DOMENICA LIVE – Serena Grandi chiama scema Giulia De Lellis a Domanica Live. Durante il solito circo dedicato a Alberico Lemme Serena Grandi, che ha appena iniziato la dieta Lemme, racconta scherzando che per evitare gli insulti del “dottore”, quando lo chiama per farsi dare la dieta si definisce “la cicciona di Rimini”.

Serena Grandi e il catfight con Giulia De Lellis – VIDEO


sua solita umiltà, la apostrofa con un “Ma che te ridi”. A quel punto Serena non ci vede più e le risponde “A scema! Ma che vuoi!”. La De Lellis non cede, perché lei è una persona normale “che rappresenta il popolo”. Serena Grandi le dice di non permettersi perché lei invece è un premio Oscar (per la partecipazione a La grande bellezza di Sorrentino, non ha vinto l’Oscar personalmente). La Grandi chiede il biglietto da visita a Giulia De Lellis, e le sta per scappare un vaffa che in corner tramuta in un “ma vattela a piglià in saccoccia”. Dallo studio si alza il coro contro Giulia De Lellis: “Serena, Serena”. La De Lellis nella sua infinita classe fa anche notare a Serena Grandi che hanno “due età diverse”.

Tags:

Autore: Maria Teresa Mura

Sono nata a Roma il 14 dicembre 1970, ho fatto il Classico tanti anni fa, poi la facoltà di Chimica a La Sapienza. Ho lavorato in diversi campi, sono stata per anni coordinatrice capo di Giornalettismo. Ora il mio progetto si chiama Superstarz

Rubriche