Costume

Alba Parietti risponde all’accusa di essere andata a Live non è la D’Urso con il coronavirus

Caterina Collovati accusa Alba Parietti di aver partecipato a Live Non è la D’Urso quando presentava i sintomi del coronavirus. La Parietti arrabbiatissima le risponde

Alba Parietti risponde all’accusa di essere andata a Live non è la D’Urso con il coronavirus

Caterina Collovati ha spiegato a Libero la sua posizione :«Ho ascoltato atterrita la favoletta della signora Parietti. A parte il fatto che si scopre d’un tratto che lei rientra nel novero dei virologi di maggior spicco del Paese. Parla di anticorpi neutralizzanti, plasmaforesi con la naturalezza di un medico che ha speso la propria vita in corsia, non nei salotti tv». Cambiare canale in alcuni casi può essere utile. «Meno male che non l’ho fatto», prosegue la giornalista napoletana.«Non avrei scoperto che il giorno prima dei suoi sintomi ero con lei ed altri ospiti da Barbara D’Urso. Mi chiedo come mai abbia omesso di avvertire,personalmente o tramite Mediaset, tutti noi presenti l’8 marzo, entrati in contatto con lei. Se la memoria non mi tradisce c’erano Gianluigi Nuzzi, Candida Morvillo, Carmelo Abbate, Mario Giordano, Francesco Facchinetti,senza dimenticare trucco e parrucco e lo staff intero, che a quell’epoca circolava ancora negli studi».

La Parietti invece replica in un’intervista di Candida Morvillo sul Corriere della Sera:

Alba,che risponde?
«Che non potevo avvisare nessuno perché so di essere stata contagiata solo dal 21 aprile. I sintomi erano stati irrisori: poca tosse e 37,6 di febbre che con la Tachipirina è scesa a 36,9 in mezz’ora. C’era chi moriva, certo nessuno faceva il tampone a me».

Quindi,che ha fatto?
«Isolamento volontario rigoroso per 14 giorni: mio figlio e la collaboratrice domestica infatti non si sono contagiati. All’epoca, nessuno parlava di asintomatici e per mio figlio ero paranoica. Sono uscita il quattordicesimo giorno per tornare a Mediaset, dove ho fatto tutto da sola,senza
truccatori o microfonisti come già avevo fatto la sera con Caterina e lei dovrebbe ricordarsi quanto ero stata ossessiva con le precauzioni e le raccomandazioni a tutti».

Come ha saputo che era Covid?
«Ho fatto un test sierologico in un centro privato a Pavia. Hanno trovato una concentrazione di anticorpi neutralizzanti altissima. Infatti, donerò il sangue al San Matteo per la sperimentazione col plasma iperimmune».