Cronaca

Alena Seredova parla del vero uomo della sua vita e di come ha scoperto il tradimento di Buffon

alena seredova

Alena Seredova torna a parlare della sua vita sentimentale presente e di quella passata, quando stava con il calciatore Gigi Buffon. Ospite a Vieni da me, condotto da Caterina Balivo, la Seredova si è sbottonata su quello che è il suo amore presente e ha raccontato come ha scoperto del tradimento di Buffon con la giornalista Ilaria D’Amico, a cui tutt’ora è legato.

Alena Seredova: “Ho scoperto del tradimento di Gigi alla radio”

Sembra impossibile e quasi surreale ma la bella modella ceca ha scoperto il tradimento dell’ex marito dalla radio. Era il 2014.

Il tradimento di Gigi? L’ho sentito alla radio.

Ci ha tenuto ha specificare che, comunque, non è stata l’ultima persona a scoprire del tradimento quando la Balivo glielo domanda: “Dopo di me l’ha saputo il mio babbo! Penultima”. Ha anche aggiunto che va bene così e che tutto quello che non uccide fortifica, per dirla con una frase a effetto. La ragione? Alena Seredova è diventata una persona migliore dopo la separazione: “Non do più peso a certe cose, ora non mi interessano più. Ognuno si è creato la sua nuova famiglia, senza equilibrio non ci si riesce”.

Oggi Alena Seredova è felice con “l’uomo della sua vita”

View this post on Instagram

📞📞🇬🇧🇬🇧

A post shared by Alena Šeredová (@alenaseredova) on

Senza il tradimento di Gigi Buffon probabilmente non avrebbe mai conosciuto il vero uomo della sua vita, Alessandro Nasi: questa la conclusione della modella a cinque anni dalla vicenda.

Sono stata super fortunata perché non sempre quando si chiude una porta arriva il vero uomo della tua vita

I due stanno pensando alle nozze, un momento che a detta della Seredova arriverà, prima o poi. Dopo le circostanza del tradimento Alena Seredova è riuscita a rifarsi una vita serena dopo aver accuratamente evitato, sia a caldo che a freddo, di fare piazzate pubbliche che fosse in tv o sui social. La ragione? Lo ha fatto per se stessa e per i suoi figli: “Nessuno si sarebbe aspettato da me un comportamento simile anche per il mio lato impulsivo. Invece ho parcheggiato quel lato”. Tutto è bene quel che finisce bene, soprattutto dopo le avversità.