Cronaca

Angelo Costabile: l’ex fidanzato di Corinne Clery ricoverato per trauma cranico e fratture

angelo costabile ricoverato albero caduto 1

Angelo Costabile, attore, concorrente di Pechino Express ed ex fidanzato di Corinne Clery è stato travolto da un albero caduto a Roma ed è stato ricoverato. Il colpo alla testa gli ha procurato un trauma cranico oltre ad altre fratture

angelo costabile ricoverato albero caduto

Angelo Costabile: l’ex fidanzato di Corinne Clery ricoverato per trauma cranico e fratture

La storia la racconta il Messaggero:

Angelo Costabile, 42 anni, attore,è stato colpito alla testa, sulla spalla sinistra, su un fianco e poi sulla gamba. «Ho rischiato di morire,sono salvo per miracolo» ha raccontato al Messaggero. Costabile, volto noto di “Don Matteo”, ha lavorato con Gianni Amelio e, da giovanissimo, con Marco Tullio Giordana. È uno sportivo,ha partecipatoa “Pechino Express”, e fa parte della Nazionale Calcio Attori e forse proprio grazie alla sua preparazione atletica si è salvato. È stato portato all’ospedale Santo Spirito in codice giallo. Al pronto soccorso la gravità è salita e gli è stato assegnato il codice arancione. Su una barella, con il collare cervicale, una caviglia fratturata, ha aspettato più di due ore e mezzo per la radiografia.La prognosi per Angelo, rimasto sempre cosciente, in tarda serata era ancora riservata.

Cosa è successo?
«Stavo camminando sul marciapiede di via di Valle Aurelia, dovevo prendere parte a una partita di calcetto. All’improvviso ho sentito il rumore di uno squarcio, ho provato a fare un salto in avanti poi il crollo: un enorme albero è crollato su di me».

Dove è stato ferito?
«Alla testa, mi fa molto male, poi sulla spalla, sull’anca e a una gamba… ho dolori ovunque».

Angelo Costabile e Corinne Clery si sono lasciati nel 2018, come ha raccontato l’attrice francese a Storie Italiane:

Se avesse avuto venti anni meno di me, nonostante il carattere tremendo che ha, sarei rimasta con lui, è un gesto d’amore, di grande generosità. Tu non puoi tenere una persona come un giocattolo. Si è occupato di me. Mi ha sopportato dopo la morte di Giuseppe, abbiamo parlato delle mie nipotine di cui ero preoccupata. Un giorno non abbiamo più parlato. Per me è importante Angelo […] Con calma saremo amici, io so che posso contare su di lui.