Apertura

Barbara D'Urso e l'esclusiva della bufala del fidanzato di Yara

fidanzato di yara barbara d'urso pomeriggio 5

Ieri Barbara D’Urso a Pomeriggio 5 ha sfoderato un’altra delle sue fantasmagoriche esclusive:  un’intervista alla signora Vilma di Loano, che  nel 2010 ha conosciuto un ragazzo, Liviu, oggi 30enne, di origini rumene che, secondo Wilma, aveva una frequentazione con la ragazzina di Brembate uccisa il 26 novembre 2010. La signora ha addirittura affermato che i genitori di Yara conoscessero Liviu:

I genitori di Yara conoscono Liviu, lo cacciarono via quando seppero che frequentava la loro figlia. Non lo volevano perché non era in regola, al tempo viveva per strada, a Brembate …”.

Il solerte inviato di Pomeriggio 5 chiama Liviu, che spiega che la signora Vilma dice il falso. Senza se e senza ma. E allora? Barbara D’Urso non fa una piega. Chiede a Vilma che ne pensi. E la signora, non proprio acuta, devia il discorso. È la D’Urso a ricordare più volte a Vilma che delle indagini sulla sua testimonianza sono state già fatte, e che gli inquirenti hanno già appurato che la ragazza di Liviu non era Yara, ma una certa Damiana. E allora, direte voi, dov’è la notizia, l’esclusiva, lo scoop, il colpo di scena? Non c’è, semplicemente.

IL VIDEO DELLA TELEFONATA A LIVIU, “IL FIDANZATO DI YARA” SECONDO LA SIGNORA VILMA

La storia di Liviu, il sedicente fidanzato di Yara Gambirasio, infatti era nota da tempo, e come ha spiegato a Vilma la stessa Barbara D’Urso più volte in trasmissione, era stata già verificata dagli inquirenti, come racconta questo articolo del Corriere:

Per far capire come gli inquirenti non abbiano tralasciato nessuna pista alternativa, basta descrivere come hanno verificato una testimonianza della difesa. È di un’anziana affittacamere di Savona, convinta che un suo ospite romeno, Ion Liviu, le disse di avere una fidanzata bergamasca di nome Yara. I carabinieri sono risaliti all’ex datore di lavoro ligure del ragazzo e, da questo, ai suoi contatti telefonici.
Spunta così il numero di telefono di una bergamasca di 28 anni, Damiana, che ha confermato di aver avuto una storia con Liviu. L’aveva conosciuto anni prima al luna park di Bergamo. Il 26 novembre del 2010, giorno del delitto, la ragazza ha chiamato dei numeri di telefono romeni. E ai carabinieri ha confermato: «Ho chiamato anche Liviu, che era al suo Paese».
Per far capire come gli inquirenti non abbiano tralasciato nessuna pista alternativa, basta descrivere come hanno verificato una testimonianza della difesa. È di un’anziana affittacamere di Savona, convinta che un suo ospite romeno, Ion Liviu, le disse di avere una fidanzata bergamasca di nome Yara. I carabinieri sono risaliti all’ex datore di lavoro ligure del ragazzo e, da questo, ai suoi contatti telefonici.
Spunta così il numero di telefono di una bergamasca di 28 anni, Damiana, che ha confermato di aver avuto una storia con Liviu. L’aveva conosciuto anni prima al luna park di Bergamo. Il 26 novembre del 2010, giorno del delitto, la ragazza ha chiamato dei numeri di telefono romeni. E ai carabinieri ha confermato: «Ho chiamato anche Liviu, che era al suo Paese».

Insomma a Pomeriggio 5 la D’Urso non solo si intesta esclusive inesistenti, ma si autosbufala anche da sola.

QUI LA PUNTATA COMPLETA DI POMERIGGIO 5 CON LA TESTIMONIANZA SUL FIDANZATO DI YARA