Cronaca

Il bimbo ricoverato perché beve un succo di frutta al bar ma dentro c’è una sostanza caustica

bimbo ricoverato bari succo di frutta

Un bimbo di 5 anni è ricoverato nel reparto di chirurgia dell’ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari a causa di lesioni a esofago e stomaco provocate da una sostanza caustica contenuta probabilmente in un succo di frutta ingerito nei giorni scorsi in un bar della provincia. Dalla direzione sanitaria dell’ospedale fanno sapere che il bambino non è in pericolo di vita ed è attualmente in osservazione. Stando a quanto si apprende fino a questo momento i fatti risalgono a sabato e sarebbero avvenuti a Gioia del Colle. Il bimbo è stato prima portato al pronto soccorso di Acquaviva delle Fonti e da lì al Giovanni XXIII di BARI dove è attualmente ricoverato. Sulla vicenda sono stati avviati anche accertamenti da parte dei Carabinieri, coordinati dal pm della Procura di Bari Baldo Pisani, che dovranno stabilire l’esatta dinamica dei fatti ed individuare le eventuali responsabilità.

Il bimbo ricoverato perché beve un succo di frutta al bar ma dentro c’è una sostanza caustica

Tra qualche giorno il bambino verrà sottoposto a una nuova gastroscopia: speriamo bene”. Giuseppe Calabrese, della direzione sanitaria del Policlinico di Bari, spiega quali sono le condizioni del bimbo di cinque anni ricoverato sabato nel reparto di Chirurgia dell’ospedale pediatrico Giovanni XXIII a causa di lesioni a stomaco ed esofago provocate da una sostanza caustica contenuta – con ogni probabilita’ – in un succo di frutta. “La prognosi e’ riservata” dichiara alla Dire. Il piccolo era con i genitori in un bar di Gioia del Colle, nel barese, li’ ha comprato e bevuto un succo di frutta. “Ha usato una cannuccia e questo ha sicuramente favorito l’ingestione diretta del liquido. Secondo quanto riferito, il bimbo avrebbe avvertito i genitori del sapore cattivo della bevanda e avrebbe avuto un conato di vomito ematico”, riporta Calabrese. Il bambino è stato prima accompagnato all’ospedale Miulli di Acquaviva delle Fonti e poi al Pediatrico di Bari. Da accertare se le lesioni agli organi siano state provocate da sostanza acida o basica. Intanto, i carabinieri – coordinati dalla procura di Bari – hanno sequestrato il succo ed evidenziano che “allo stato, non c’è certezza definitiva di una connessione tra l’ingerimento del succo e la successiva intossicazione”.

Il succo di frutta è stato sottoposto a sequestro, per essere analizzato. Sull’episodio, avvenuto sabato 23 marzo a Gioia del Colle, indagano i Carabinieri coordinati dalla Procura di Bari. Gli investigatori precisano che non c’è ancora certezza definitiva di una connessione tra l’ingerimento della bevanda acquistata in un bar e la successiva intossicazione. Saranno gli esiti degli esami tossicologici sul succo di frutta e sul paziente ad accettare le cause del malore. Il bambino, attualmente ricoverato nell’ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari, era stato inizialmente trasportato al pronto soccorso dell’ospedale di Acquaviva delle Fonti dove i medici gli avevano dato una prognosi di 10 giorni. I genitori lo hanno poi portato a Bari per ulteriori accertamenti. Il piccolo non è in pericolo di vita.