Apertura

Cara Delevingne nuda nel terzo Fappenning Day

fappening day

L’hacker del fappenning day ha colpito ancora? A quanto pare c’èstato un’altro fappenning day per voi, e questa volta le celebrità di cui potrete ammirare e commentare su ogni social network esistente le parti intime, sono la modella di fama mondiale Cara Delevingne, l’attrice Anna Kendrick a cui sarebbero state rubate 87 foto dove è vestita, ma in abiti succinti, e ancora (ma quante foto nude ha?) foto di Jennifer Lawrence, ben 55 foto dell’attrice ormai abbonata al fappenning day.
FAPPENNING DAY: LE FOTO DI CARA DELEVINGNE – Gli utenti hanno aperto un dibattito online per decidere: è lei o non è lei? Cara Delevingne è sempre stata abituata a spogliarsi per servizi fotografici e a posare nuda. Ma a quanto pare le foto postate dall’hacker sarebbero molto più esplicite di quelle pubblicate da lei pochi giorni fa su Instagram. La star del mondo della moda ha mostrato molto di se stessa negli scatti per Allure, in effetti. Ha optato per uno stile dei capelli molto diverso dai suoi soliti capelli liscissimi sostituendoli con degli enormi ricci. I fan erano sotto shock: “Wow, sei stupenda” “Wow i tuoi capelli” hanno commentato i fan sotto la foto. Veramente i capelli sono la prima cosa che hai visto?
 

Guarda le foto dal backstage per Allure di Cara Delevingne vittima del terzo Fappenning Day


FAPPENNING DAY: L’INDAGINE DELL’FBI – Il terzo fappenning day è arrivato quasi esattamente un mese dopo il primo round di foto rubate. L’FBI ha iniziato un indagine, ma la Apple ha negato che la colpa sia di una crepa nel sistema iCloud. Dal Gawker: “Quando abbiamo scoperto del furto, abbiamo subito mobilitato gli ingenieri di Apple per scoprire la fonte del problema. La sicurezza e la privacy dei nostri clienti è la cosa più importante per noi. Dopo più di 40 ore di investigazione, abbiamo capito che il furto delle foto delle celebrità era dovuto solo a un furto di nomi, password, cose che succedono normalmente su Internet. Non c’è nessun problema con il sistema iCloud o Find my iPhone. Noi continueremo a lavorare per scoprire chi sono i criminali coinvolti”