Costume

“Voglio fare un bambino con Ignazio presto”: la quarantena di Cecilia Rodriguez

cecilia rodriguez quarantena figlio ignazio moser

Cecilia Rodriguez racconta a Gente come ha passato il compleanno in quarantena. E spiega che ormai è arrivato il tempo per fare un bambino con Ignazio Moser

“Voglio fare un bambino con Ignazio presto”: la quarantena di Cecilia Rodriguez

Cecilia Rodriguez racconta quali desideri ha espresso per il suo compleanno, passato in casa per la quarantena. Il primo dediderio è proprio perché tutto questo finisca presto:

Mi sento privilegiata perché sono accanto all’uomo della mia vita, che per me è famiglia, e siamo con i suoi genitori che mi vogliono bene e mi fanno sentire come se fossi a casa mia. La mamma di Ignazio, a Natale, mi ha donato un suo anello, è un gesto che mi ha commossa», confida Cecilia e prosegue a raccontare: «Sulla torta ho messo una candelina. Ho soffiato e ho espresso desideri. Il primo non è per me, è per tutti. Perché quello che stiamo vivendo, un momento davvero triste e complicato, finisca. L’unione e il rispetto fanno la differenza. Solo così si può uscire da questo allarme sanitario».

E poi parla del desiderio di costruire una famiglia con Ignazio: a partire dal mettere in cantiere un bambino. Quale migliore occasione della quarantena?

E gli altri desideri? «Costruire con Ignazio qualcosa di ancora più forte. Parliamo, con maggior convinzione, di avere un bimbo nostro. Sognavo di avere il mio primo figlio a 28 anni, l’età nella quale mia madre ha avuto me. Sono un po’ in ritardo rispetto ai miei desideri, ma va bene così. Ora però non vorrei far passare molto tempo. E poi sto pensando seriamente di acquistare una casa. Ho voglia di mettere le radici, di creare la base per il mio futuro».