Apertura

Charlie Charlie Challenge: quello che non sai sulla seduta spiritica con il demone messicano

Charlie Charlie

Vi sarete sicuramente chiesti per quale motivo in questi giorni la gente su internet si è armata di fogli e matite per invocare Charlie Charlie. Vi sarete anche chiesti chi è Charlie Charlie. Ecco qualche notizia che forse non conoscevate:

Il Charlie Charlie Challenge non è per nulla un inedito: si ispira a un’antica tradizione messicana che, par di capire, sarebbe più complessa rispetto alla versione social. In proposito, c’è un post di spiegazione che gira in Rete: “Quello che la gente non sa – si legge – è che non si entra in contatto con un solo spirito, ma con un vero e proprio gruppo di anime. Questi demoni sembrano amichevoli in un primo momento, ma hanno in mente progetti cattivi”. E qui nasce il problema: “Se alla fine della seduta non si dice ‘addio’ a Charlie, si possono cominciare a sperimentare esperienze poco piacevoli, come sentire voci, avvertire movimenti, ombre, risate sinistre”. È un crescendo di tensione: “Questo gioco non è sicuro e sconsiglio di farlo a chi non sa a che cosa può andare incontro. Non dire ‘addio’ a Charlie apre un contatto che permette ai demoni di entrare in casa vostra e di portarci il caos”. Insomma, un tocco di mistero ed esoterismo non guasta mai. Nel dubbio: ‘Addio Charlie’

CHARLIE CHARLIE CHALLENGE: LE DOMANDE PIU’ STRANE – Ma c’è anche chi non ha preso sul serio tutta questa faccenda dei demoni e che chiede a Charlie di rispondere a domande un po’ più…inutili. Ecco le più divertenti pubblicate dal Mirror.


Voi avete avuto paura o avete deciso di provarla? La Charlie Charlie Challenge sta sicuramente spopolando, ma c’è chi ha troppa paura di ritrovarsi qualche demone sotto il letto. Gli altri fanno la fine di questo video. Certo non credete che Charlie faccia bene a perseguitare chi lo chiama e poi scappa urlando? Si sarà certamente offeso.

Guarda il video compilation della Charlie Charlie Challenge: