Cronaca

La scoperta choc di Chi l'ha visto sulla morte di Alessia e Martina

chi l'ha visto morte alessia e martina

Chi l’ha visto parla ancora della strage di Cisterna di Latina in cui sono morte per mano del padre le piccole Alessia e Martina Capasso. Federica Sciarelli si chiede se il caso sia stato archiviato troppo presto con una voglia di “perdono” troppo precipitoso. Il parroco durante il funerale delle bimbe aveva invocato il perdono per Capasso spiegando che i parenti e la mamma, Antonietta Gargiulo, avevano perdonato (leggi qui). Ma la Sciarelli spiega che a loro non risulta e che l’unico gesto che Antonietta, che non può parlare (leggi qui), avrebbe fatto quando le hanno detto che le figlie erano morte sarebbe stato quello di mettersi due dita sul cuore:


Ma c’è un’altra questione che Chi l’ha visto vuole approfondire. Le bambine si potevano salvare? O almeno la più grande, Alessia?

La scoperta choc di Chi l’ha visto sulla morte di Alessia e Martina

alessia e martina capasso funerali cisterna di latina
Ecco il video in cui Gianloreto Carbone, l’inviato di Chi l’ha visto, spiega che forse Alessia era ancora viva quando i carabinieri trattavano con il padre, poi suicida, Antonio Capasso. Una vicina avrebbe sentito la bambina gridare contro il padre la mattina presto. Poi gli spari sono arrivati dopo che Capasso ha urlato più volte “allora è colpa mia, è colpa mia”.
L’ipotesi sarebbe suffragata, secondo Carbone, dalla presenza dei Gis, un reparto speciale che sarebbe in possesso di uno strumento in grado di capire quante persone ancora vive ci siano in un luogo inaccessibile. L’inviato spiega che la redazione di Chi l’ha visto è venuta a sapere che quella mattina sarebbe stata rilevata la presenza di due persone vive nell’appartamento. E ipotizza che si trattasse, oltre che di Antonio Capasso, anche della figlia più grande, Alessia.


Se si fosse intervenuto prima Alessia sarebbe ancora viva? Secondo Federica Sciarelli quindi non solo la bambina più grande era consapevole di quanto stava accadendo. Anche la piccola, Martina, non sarebbe morta nel sonno. La giornalista spiega infatti che la piccola si sarebbe fatta la pipì addosso nel letto. Segno che non stava dormendo e che aveva molta paura.
antonietta gargiulo alessia e martina
Il servizio completo di Chi l’ha visto sulla strage di Cisterna di Latina lo trovate qui (dal minuto 23)