Costume

“Ho punito Chiara Ferragni perché copiava agli esami”

Chiara Ferragni copiava esami

Sul Fatto Quotidiano di oggi viene raccontato un divertentissimo aneddoto su Chiara Ferragni: Giovanni Valotti, un suo ex professore universitario alla Bocconi e oggi presidente di Utilitalia,
l’associazione delle aziende di servizi luce, acqua, gas e rifiuti, durante l’assemblea che lo ha riconfermato ha parlato del segreto della fashion blogger.

“Ho cacciato Chiara Ferragni perché copiava agli esami”

Valotti dice (chissà se è vero) che ora la Ferragni se lo incontra gli fa il gesto dell’ombrello:

“Voi tutti conoscete Chiara Ferragni” (“non abbiamo il piacere” la risposta scanzonata di un imprenditore in seconda fila), “Chiara Ferragni era una mia studentessa, faceva giurisprudenza nella mia facoltà alla Bocconi. Ho avuto modo di conoscerla prima che diventasse famosa in commissione disciplinare nella mia università, dove finivano i ragazzi che
combinavano qualche guaio. Chiara Ferragni semplicemente aveva copiato a qualche esame”.

“E non so qui se mi prendo qualche denuncia” ha aggiunto. La platea ha seguito l’insolito excursus: “Non voglio annoiarvi, ma vi vedo ancora svegli quindi sto avendo successo”. La “poverina” ha proseguito Valotti si era messa dei bigliettini incollati al polpaccio: “immaginate la fantasia, poi avendo il polpaccio lungo c’era l’enciclopedia dell’esame, con un sistema ingegneristico molto sofisticato, in caratteri micro. Povera ragazza – ha aggiunto – se studiavi ci mettevi meno tempo che a congegnare questo stratagemma ”.

Il severo Valotti non ha esitato: “Sei mesi di sospensione e non ha potuto fare esami. Ma in quei sei mesi lei ha detto ‘lascio l’università e faccio la fashion blogger’. Se dava retta a
me adesso era praticante in uno studio di avvocato”. Invece, ha concluso, “adesso se mi incontra per strada mi fa il gesto dell’ombrello”.

Chiara Ferragni e gli esami mancanti alla Bocconi

La Ferragni qualche anno fa parlava dei tre esami mancanti per conseguire la laurea in giusrisprudenza spiegando che non aveva intenzione di lasciar perdere:

E se proprio vogliamo guardare, ancora non si è laureata, le mancano tre esami per finire Giurisprudenza alla Bocconi: «Ma non mollo, li ho già messi in agenda». Anche se da grande Chiara non sembra avere intenzione di fare il giudice o l’avvocato: «Immagino semmai di collaborare con i brand dei miei sogni. Con Louis Vuitton (la speedy bag è stata la prima borsa che mi sono comprata), con Céline, Chanel e Tiffany & Co. Un domani mi piacerebbe anche aiutare le persone che hanno buone idee da realizzare, chi vuole uscire dagli schemi per crearne di nuovi».

Chissà se ha già pronti i bigliettini per il polpaccio. In questo video la Ferragni dà consigli ai maturandi per affrontare l’esame. Ma non parla di bigliettini!

 

 

Leggi anche: Chiara Ferragni racconta cosa ha provato durante il parto del piccolo Leone