Costume

Sentite cosa dice Piero Angela sul coronavirus

piero angela coronavirus fase 2 4 maggio riapertura

Non vi fidate di nessuno sul coronavirus? Non sapete se dare retta a Burioni, alla Gismondo o a altri esperti? Fatevi coccolare dalle parole di Piero Angela.

Sentite cosa dice Piero Angela sul coronavirus

Piero Angela intervistato dal Corriere dice, come è suo solito, parole sensate. Affidiamoci alle misure varate dagli esperti, siamo prudenti e non ascoltiamo le fake news:

Piero Angela, lei è preoccupato?
«La cosa personalmente non mi spaventa, non mi fa paura. Anche se penso che sia una cosa seria».

Lei viaggia molto per incontri e conferenze. Cambierà abitudini a causa del Covid-19?
«In realtà la chiusura delle università torinesi ha fatto saltare una manifestazione a cui avrei dovuto partecipare nei prossimi giorni. Quindi sì: il coronavirus sta incidendo anche sulla mia attività. Però io non rinuncio a fare ciò che ho sempre fatto, compreso viaggiare. Certo, d’ora in poi lo farò seguendo le indicazioni delle autorità sanitarie: se mi dicono di indossare mascherina e guanti li indosserò. Non posso giudicare se sono misure eccessive o no, mi fido di quello che mi dicono gli esperti».

E ancora:

In tutto questo scenario da fantascienza, vede elementi che lascino immaginare un lieto fine?
«Ma sì. L’80% dei contagiati guarisce senza dover ricorrere a cure particolari. Soprattuto i più giovani, quelli come me (ride, ndr). E poi abbiamo visto guarire anche persone colpite duramente, come il turista cinese ricoverato allo Spallanzani. Ripeto: è una cosa seria, ma, in attesa del vaccino, le cure ci sono e nella maggior parte dei casi funzionano».

È abbastanza per sdrammatizzare?
«Vanno evitate tutte le fake news che tendono a drammatizzare. Invece mi ha molto divertito una immagine che circola in queste ore. È L’ultima cena di Leonardo, da cui però sono spariti sia Gesù che gli apostoli. Qualcuno ha scritto: qui a Milano stiamo esagerando».

Tutto chiaro? Non vi fate spaventare, lavatevi le mani e non prendete a pugni nessuno perché pensate sia cinese.