WebstarZ

Daniela Poggiali: le lettere degli ammiratori all'infermiera assassina

DANIELA POGGIALI INFERMIERA

Vi ricordate di Daniela Poggiali, l’infermiera accusata di aver ucciso una paziente di 78 anni e di averne poi deriso il cadavere con un selfie, scimmittoando la sua posa a bocca aperta. Richiusa nel carcere di Forlì dal 9 ottobre, su di lei non solo gravano i sospetti della morte di altri dieci malati: Il Messaggero ci racconta che sta ricevendo innumerevoli lettere d’amore.

DANIELA POGGIALI
Foto da Oggi

DANIELA POGGIALI: LE LETTERE DEGLI AMMIRATORI – Se pensi che innamorarsi di un killer proprio per le sue imprese sia follia, dovrai fare i conti che le decine di ammiratori che ogni giorno scrivono ai carcerati, e non solo in Italia. Sai quante proposte di matrimonio ha ricevuto Scott Peterson, condannato a morte negli Stati Uniti per l’omicidio della compagna ad otto mesi di gravidanza? Per non parlare di Amanda Knox o Erika De Nardo, divenute praticamente delle sex simbol dopo essere state incarcerate. Non è esente a questo perverso meccanismo neanche Daniela Poggiali, l’infermiera accusata dell’omicidio di una paziente. Innumerevoli sono le lettere degli ammiratori ricevute. Addirittura, scrive Il Messaggero:

C’è chi, per assicurarsi una possibilità in più di risposta, ha allegato dei francobolli alla missiva. Le sue foto in costume su una spiaggia tropicale o al carnevale di Rio, la sua freddezza, la sicurezza ostentata hanno già creato un piccolo drappello di ammiratori.

Ovviamente, è inutile specificare che non si tratta di un sentimento reale, ma solo di una fantasia perversa con alla base la notorietà, l’ideale che si costruisce attorno ad una persona che, grazie alla cronaca nera, è ormai sulla bocca di tutti. Eppure, in troppi ci cascano.
 
DANIELA POGGIALI
 
DANIELA POGGIALI: FREDDA NEGLI INTERROGATORI – Accusata di aver ucciso Rosa Calderoni, 78 anni, con un’iniezione di cloruro di potassio, durante l’interrogatorio Daniela Poggiali non ha vacillato, né ha ceduto all’emozione. Ha affermato più volte di non essere stata lei, sostenendo di svolgere alla perfezione il proprio mestiere. Anche se non riesce a non ammettere che in quella stanza, a parte l’ansia defunta, c’era solo lei. Inoltre, nello smartphone della donna c’erano due foto insieme al cadavere dell’anziana donna, una in cui imitava in maniera grottesca la sua posa a bocca aperta con la didascalia «Brr, mmmh, la vita e lamorte, mmmh». Su di lei, il sospetto di altri dieci decessi. Sembra che tendesse a “liberarsi” in questa maniera dei pazienti scomodi.
 

Leggi anche questo! Daniela Poggiali: l’infermiera che uccide una paziente e si fa il selfie con il cadavere