Cronaca

Come sta Demi Lovato?

overdose demi lovato news

Come sta Demi Lovato dopo il ricovero di quella che all’inizio sembrava una sospetta overdose da eroina? Le sue condizioni sono “stabili è cosciente e con i suoi cari “. La cantante e attrice 25enne, è stata ricoverata in un ospedale della zona di Los Angeles. A riferirlo è il magazine People, dopo che il sito americano Tmz ha rivelato che la pop star è stata trasportata dalla sua casa sulle colline di Hollywood in un ospedale della zona di Los Angeles.

Come è stata salvata Demi Lovato

Sarebbe stata trovata priva di sensi e sottoposta d’urgenza a un trattamento con un il Narcan, utilizzato nei casi di overdose da sostanze come eroina o morfina. così raccontava Tmz Secondo People, tuttavia, non si è trattato di un’overdose da eroina e anche Tmz ora ha cambiato versione spiegando accodandosi a People.

Tmz spiega che comunque le è stato somministrato il Narcan, ma non per eroina secondo una fonte molto vicina alla cantante. Secondo fonti della polizia invece i sintomi della popstar sembravano proprio quelli di un’overdose.

Demi Lovato aveva gia’ avuto in passato problemi di dipendenze da sostanze stupefacenti. Nel 2010 era stata ricoverata in una clinica per disintossicarsi: da allora ha sostenuto di non aver più fatto uso di droghe né abusato di alcol. È stato intanto cancellato il suo concerto previsto per giovedi’ ad Atlantic City Beach, secondo quanto anticipa Variety.

Demi Lovato: le dipendenze da droga e alcol e il suicidio

 

Demi Lovato è sempre stata molto sincera nel raccontare quanto sia stato difficile crescere come una Disney star, ma in una recente intervista ad American Way, la cantante ha spiegato come dettagli molto crudi come sia stata la sua adolescenza. “Vivevo velocemente e pensavo che sarei morta giovane. Non pensavo che sarei arrivata ai 21 anni”

Nell’intervista Demi ha parlato di come sia stato difficile accettare il suo corpo, e anche ora, all’apice della sua carriera, combatte “depressione, pensieri suicidi e impulsi di autolesionismo”. All’età di 12 anni ha iniziato a tagliarsi e a vomitare per avere un corpo magrissimo, come pensava una ragazza dovesse averlo.

Quando ha ottenuto il ruolo che l’ha lanciata per Camp Rock, le cose sono peggiorate. A quel punto Demi si “automedicava con alcol, cocaina e OxyContin” e dato che si pagava tutto da sola ha iniziato a ribellarsi ai genitori. Ha iniziato a peggiorare in fretta, ma il punto di rottura è arrivato durante il suo tour con i Jonas Brothers, quando ha dato un pugno a uno dei ballerini.

È stato quello il momento in cui Demi è stata mandata in riabilitazione dove è stata curata per bulimia e dove le è stato diagnosticato un disturbo bipolare. “Quando ero in riabilitazione pensavo ‘fantastico, ora il mondo penserà che sono solo un altro stereotipo’, ma quando ho iniziato a mangiare di nuovo, gli altri problemi sono peggiorati”. Demi ha deciso di rimanere chiusa in casa per un interno anno, dove ha potuto combattere le sue dipendenze una volta per tutte.

Non sono andata in trattamento pensando ‘ok, ora diventerò un’ispirazione’. In quel momento non mi sentivo di poter avere nessun tipo di responsabilità, ma ora, è diventata una parte della mia vita. Quando ho incontri con i fans, moltissime ragazze mi mostrano le loro braccia piene di tagli, mi dicono ‘mi hai aiutato a superarlo. Grazie a te ho smesso di tagliarmi’ oppure ‘sono sobria’. Sentire queste cose da alla mia vita un nuovo senso