Cronaca

“Signor poliziotto non è come crede, sono un mutante e la droga è di Wolverine”

droga wolverine ancona

Il Corriere Adriatico racconta la serata di un ventitreenne fermato dalla polizia ad Ancona con un panetto di hashish di 14 grammi mentre alle quattro di domenica correva da un albero all’altro in corso Carlo Alberto.

“Signor poliziotto non è come crede, sono un mutante e la droga è di Wolverine”

La storia raccontata dal ragazzo fermato è degna di un film sulle vicende dei supereroi Marvel:

«Sono un mutante teleporta – ha raccontato il ventitreenne, residente fuori Ancona – e sto allenando i miei poteri. Di solito riesco a passare da un ostacolo all’altro ma stasera faccio fatica anche a confondermi con gli alberi». Una storia che ha fatto sorridere i poliziotti, mentre il giovane veniva teleportato in questura per gli accertamenti. Durante le verifiche è stato anche trovato un panetto di hashish di 14 grammi: il ragazzo lo nascondeva all’interno degli slip. Alla vista del fumo, il ventitreenne si è lasciato andare all’ennesimo racconto di fantascienza:

«Quel panetto non è mio», ha riferito agli agenti che lo stavano ascoltando. «Mi ha fatto uno scherzo un altro mutante amico mio. Si chiama Wolverine e sicuramente è stato lui a nascondermi addosso il fumo. Io non sapevo nemmeno di averlo». Una notte disastrosa per l’X-Men di casa nostra, che in poche ore ha perso i poteri ed è finito nei guai per colpa di Wolverine. La denuncia Perché gli agenti lo hanno denunciato per possesso di sostanza stupefacente prima di lasciarlo andare. Non solo. Vedendo che il ventitreenne era piuttosto affranto per quanto accaduto e per il tradimento subito dall’amico mutaforme, i poliziotti lo hanno rassicurato dicendogli che avrebbero sicuramente redarguito Volverine per lo scherzo che gli aveva tirato. In fondo tutto è bene quel che finisce bene.