Apertura

Equinozio d'Autunno: cos'è e l'«incantesimo» dell'omino nel doodle

equinozio d'autunno (2)

Equinozio d’Autunno: il doodle di oggi è dedicato al primo giorno dopo l’estate, terminata astronomicamente ieri. Google festeggia l’arrivo della stagione delle castagne con un doodle animato, un po’ naif, ma molto simpatico. Il doodle si presenta con l’invito a far partire l’animazione:
equinozio d'autunno (2)
EQUINOZIO D’AUTUNNO: IL DOODLE – E chi è l’omino del doodle dedicato all’equinozio d’autunno se non un immaginario giardiniere? Ma in questo caso invece di innaffiare gli alberi, compie una magia. Le foglie al suo tocco diventano gialle e rosse, come se il giardiniere magico pronunciasse un incantesimo:
 

Guarda l’«incantesimo» del maghetto Equinozio d’autunno

equinozio d'autunno (5)
E il mago Equinozio d’autunno ci riesce:
equinozio d'autunno (3)
Il risultato? Gli alberi prima diventano gialli e poi perdono le foglie: Equinozio d’autunno, il mago delle stagioni anche questa volta è arrivato per decretare la fine dell’estate:
equinozio d'autunno (1)
La cosa simpatica è che il 21 marzo Google aveva chiamato un altro maghetto “Primo giorno di primavera”, per far partire la bella stagione:
equinozio d'autunno (6)
Ed ecco quali sono i paesi dove è visibile il doodle per equinozio d’autunno:
equinozio d'autunno (7)
EQUINOZIO D’AUTUNNO: COS’È – Come spiega Wikipedia l’equinozio d’autunno è uno dei due equinozi che avvengono ogni anno, uno annuncia la primavera l’altro l’autunno:

L’equinozio (dal latino æquinoctium, ovvero «notte uguale» in riferimento alla durata del periodo notturno uguale a quello diurno) è quel momento della rivoluzione terrestre intorno al Sole in cui quest’ultimo si trova allo zenit dell’equatore. Esso avviene due volte durante l’anno solare e, in tale momento, il periodo diurno (ovvero quello di esposizione alla luce del Sole) e quello notturno sono uguali, giungendo i raggi solari perpendicolarmente all’asse di rotazione della Terra. Gli equinozi occorrono a circa sei mesi di distanza l’uno dall’altro, più precisamente a marzo e a settembre del calendario civile; analogamente ai solstizi, essi sono convenzionalmente assunti come momento di avvicendamento delle stagioni astronomiche sulla Terra. Nell’emisfero boreale l’equinozio di marzo segna la fine dell’inverno e l’inizio della primavera, mentre quello di settembre termina l’estate e introduce l’autunno. Viceversa accade nell’emisfero australe, dove l’autunno entra all’equinozio di marzo e la primavera in quello di settembre.