Apertura

Eva Green: chi è la femme fatale che si spoglia in Sin City

EVA GREEN

Oggi esce nelle sale cimatografiche italiane Sin City, film che ha fatto molto parlare di sé per via delle scene di nudo della bella Eva Green. Ma fuori dal set, com’è davvero quest’attrice? Grazie all’intervista di Vanity Fair ora possiamo scoprire che molto spesso l’apparenza inganna.
EVA GREEN: CHI È – La bellissima Eva Green è nata a Parigi e fin da bambina ha sempre desiderato fare l’attrice, sebbene sua madre abbia cercato di metterla in guardia da un lavoro tanto pericoloso. Ma il poster di “Ultimo tango a Parigi” nella sua cameretta le segna il destino. Infatti esordisce nel 2003 proprio con un film di Bertolucci, The Dreamers. La sua famiglia e il suo agente le avevano consigliato di rinunciare al ruolo per paura finisse come Maria Schneider, ma lei ricorda tutt’ora quell’estate trascorsa a girare in appartamento mentre il regista raccontava vecchi aneddoti come uno dei periodi più belli della sua vita. Nel 2007, con Casino Royale, diventa una delle Bond Girl più belle nella storia di 007. Da ricordare anche il suo ruolo ne “La Bussola d’Oro” e in Dark Shadows come antagonista. La bellissima Eva Grenn confessa di essere rimasta in rapporti amichevoli con Tim Burton. E oggi esce nei cinema italiani “Sin City – una donna per uccidere”, in cui vestirà i panni di Ava Lord, colei che manipola gli uomini affinché diventino spietati killer. Nel film ci saranno numerose scene di nudo, come l’ha presa?
 

Guarda le foto di Eva Green dalla sta pagina Facebook:


EVA GREEN: QUANDO SI SPOGLIA… – In Sin City, Eva Green ha girato moltissime scene praticamente nuda. L’attrice confessa che all’inizio era un po’ titubante, non tanto per il nudo in sé ma perché nel mentre avrebbe dovuto anche parlare. Superato lo scoglio iniziale, però, sembra essere entrata brillantemente nella parte. Il suo problema non sono le scene di nudo, anzi, trova molto ipocrita il girare scene di sesso in cui non si vede nulla: come afferma nell’intervista a Vanity Fair: “Un paio di tette non hanno mai ucciso nessuno”. Il vero rischio è troppo nudo metta in secondo piano la bravura di un’attrice e la sua capacità di recitare: proprio questo motivo, nella prima metà degli anni ’00 ha rifiutato numerose parti; non voleva che la cucissero addosso l’etichetta di donna fatale. Eva Green confessa infatti di non essersi mai identificata in quel ruolo, a dispetto della sua bellezza.
EVA GREEN: AL NATURALE – Fuori dal set, la donna sembra un vero e proprio maschiaccio: adora indossare i pantaloni e uno dei suoi hobby preferiti è collezionare insetti. Ne ha anche regalato uno a Tim Burton, un coleottero. E se dovesse fare un film sulla vita, non sarebbe affatto un gothic noir, ma qualcosa di noiosissimo in cui lei si reca a fare la spesa e compra oggetti per l’uso quotidiano. E inoltre, confessa di essere bionda naturale, sebbene si tinga di nero da quando aveva quindici anni. Te ne sei mai accorto? Eppure,per quanto sia naturale e spontanea, rivela che ritiene il mestiere d’attrice strettamente necessario per la sua sanità mentale: i ruoli che interpreta per lei sono come una corazza, una maschera dietro la quale si nasconde.

Guarda Eva Green in Sin City: