In Evidenza

Fichi d'India: Max Cavallari insegna a parlare di nuovo a Bruno Arena

bruno arena

Vi ricordate di Bruno Arena, il noto comico dei Fichi d’India, colpito da un ictus nell’inverno del 2013 proprio sul palco di Zelig? Ora sta un po’ meglio e a dimostrarcelo è il video pubblicato sulla loro pagina Facebook in cui l’amico e collega Max Cavallari tenta di farlo parlare nonostante la paralisi che ancora lo inibisce.
FICHI D’INDIA: L’ICTUS – Cosa era successo al povero Bruno Arena? Ripercorrendo la storia insieme ad Oggi, il noto comico è stato colpito da un ictus sul palco di Zelig il 13 febbraio 2013. Gli è stata diagnosticata un’emorragia cerebrale. Operato d’urgenza, l’intervento è riuscito senza complicazioni, ma purtroppo la fase di riabilitazione come spesso accade si rivela lunga e dura. A non perdere mai la speranza il suo collega e amico Max Cavallari, che fin dalle prime volte racconta di come Bruno gli stringa la mano e qualche volta, sotto i baffi, accenni l’ombra di un sorriso.

La scorsa primavera, i primi miglioramenti
La scorsa primavera, i primi miglioramenti

 
FICHI D’INDIA: I PROGRESSI – Ed è proprio tramite Facebook che Max ci tiene costantemente aggiornati sui progressi dell’amico, augurandogli una completa guarigione senza mai scadere nel pietismo, anzi: ad accompagnare tutte le tappe di questa riabilitazione è proprio l’ironia che normalmente contraddistingue il loro mestiere, oltre al calore di tutti i fan. E adesso, come sta?
 
FICHI D'INDIA
Quest’estate, qualche movimento delle mani…

 
FICHI D’INDIA: SE NON PARLI, MI… – Da poco, su Facebook è stato pubblicato un commovente video in cui Max insegna nuovamente a parlare all’amico, che per ora si limita a riprodurre qualche suono e ad imitare semplici gesti delle mani. “E prima o poi parli, sennò mi incazzo!” commenta lui. Insieme ai fan, senza parole per questa splendida amicizia, non possiamo far altro che unirci agli auguri di pronta guarigione.
 

Fichi d’India: guarda il video in cui Bruno Arena tenta di parlare con l’aiuto di Max Cavallari