Apertura

Il fidanzato di Noemi Durini confessa l’omicidio e indica dov’è il cadavere

FIDANZATO DI NOEMI DURINI noemi durini fidanzato indagato

Il fidanzatino di Noemi Durini ha confessato di aver ucciso la ragazzina di 16 anni scomparsa il 3 settembre scorso. Ora si cerca il cadavere. A quanto si apprende, il giovane che ha confessato di avere ucciso Noemi Durini avrebbe indicato agli inquirenti il luogo in cui si troverebbe il cadavere della sua fidanzatina, a Castrignano del Capo (Lecce). Sul luogo si sono diretti magistrati e i carabinieri e lì hanno trovato il corpo della 17enne. Lo ha confermato poco fa il prefetto Claudio Palomba. Il cadavere si trovava vicino a un pozzo. Il corpo di Noemi – a quanto si apprende – è vestito ed è, appunto, coperto da alcuni massi. Si trova in un luogo facilmente accessibile nelle campagne vicine alla strada statale 275, che collega Maglie a Santa Maria di Leuca. Sul corpo sarebbero stati riscontrati, ad un primo esame degli inquirenti, segni di ferite, probabilmente provocate con una pietra. Sul profilo del ragazzo insulti e minacce di morte.
Un malore avrebbe colpito uno o entrambi i genitori di Noemi Durini dopo aver appreso, presso la Prefettura di Lecce, la notizia che il fidanzato 17enne della ragazzina ha confessato di aver ucciso la sedicenne scomparsa il 3 settembre scorso da Specchia. In prefettura, dove alle 13.30 era prevista una conferenza stampa alla presenza dei genitori della ragazzina, è giunta un’ambulanza. Il padre del fidanzatino 17enne di Noemi Durini è indagato, in concorso con il figlio, per l’omicidio volontario della sedicenne di Specchia (Lecce) della quale non si hanno più notizie dal 3 settembre. All’uomo, di 41 anni, e al figlio sono stati notificati avvisi di garanzia.

Il video del fidanzato di Noemi Durini che spacca un finestrino di un’auto


LA SCOMPARSA DI NOEMI DURINI – Il Messaggero racconta che è stata sequestrata la Fiat dove è salita Noemi. L’auto del suo fidanzato:

Ieri la prima svolta: i carabinieri hanno sequestrato l’auto su cui è salita Noemi prima di sparire nel nulla. Una Fiat Punto che, secondo gli investigatori, era guidata dal fidanzato 17enne quando, nella notte del 3 settembre, Noemi è salita a bordo. Erano le 4 del mattino quando la ragazza si è allontanata da casa, lasciando in camera il suo smartphone

Il ragazzo è stato interpellato dai magistrati:

Il 17enne è stato ascoltato lunedì sera, come persona informata dei fatti, dai magistrati della Procura ordinaria e dei minorenni, Donatina Buffelli e Anna Carbonara, che indagano per sequestro di persona. Al momento non ci sono iscritti nel registro degli indagati. Un interrogatorio di ore, durante il quale il giovane non avrebbe fornito informazioni precise su dove e con chi avrebbe lasciato Noemi. Alle domande dei magistrati si è sottoposto anche il padre del 17enne, che non ha mai nascosto la sua contrarietà alla relazione.

NOEMI DURINI: IL VIDEO NELLA FIAT CON IL FIDANZATO – I due fidanzatini sono stati ripresi da una telecamera di sorveglianza attorno alle 5 del mattino del 3 settembre a Specchia, poche ore prima della scomparsa di Noemi. Nell’immagine si vede l’utilitaria arrivare e fermarsi in via san Nicola, a poche centinaia di metri da casa della giovane. A bordo ci sono i due fidanzati, con il 17enne al volante della vettura intestata alla madre. Fuori è buio.
L’illuminazione pubblica è attiva e i fari dell’auto sono accesi. Dopo una decina di minuti la vettura riparte. Se i due ragazzini siano ancora a bordo non è certo perché l’illuminazione pubblica ha smesso di funzionare, perché è ormai l’alba, e i fari dell’auto restano spenti. Cosa è successo nell’utilitaria?, si domandano gli inquirenti. Ascoltato dai carabinieri, il giovane ha detto di aver accompagnato la sedicenne nei pressi del campo sportivo di Alessano e di averla lasciata lì.
Ma diversi particolari non quadrano. Noemi, infatti, ha lasciato a casa gli effetti personali, compresi soldi e cellulare, elementi questi che fanno pensare che dovesse incontrare rapidamente qualcuno. Ovviamente, al centro dell’attenzione c’è il fidanzato 17enne che ha un rapporto burrascoso con la famiglia di Noemi, che ha sempre ostacolato la loro relazione. C’è un breve filmato che descrive bene il carattere del ragazzo.
Il 17enne è stato ripreso mentre rompe a colpi di sedia i vetri di una vecchia Nissan Micra parcheggiata per strada ad Alessano. L’auto sarebbe di una persona con la quale il giovane avrebbe avuto un acceso litigio e risalirebbe alla scorsa settimana, pochi giorni dopo la scomparsa della minorenne e poco tempo dopo un alterco avuto con il padre di Noemi che si era recato ad Alessano per avere informazioni sulla figlia

Leggi anche: La scomparsa di Noemi Durini a Lecce