In Evidenza

La versione di Francesco Gabbani sulle dimensioni del suo pacco

francesco gabbani pacco

Francesco Gabbani, il vincitore del festival di Sanremo, oggi è stato ospite a Un giorno da pecora. Durante la trasmissione radiofonica c’è stato anche il momento “pacco”. Gabbani ha infatti avuto modo di dire la sua sui rumors che circolavano in questi giorni: è superdotato o no?

Gabbani, durante la trasmissione, ha anche scherzato sulle voci che, a Sanremo, lo indicavano come ‘molto dotato’ dal punto vista sessuale. “So di cosa si parla, ne sono venuto a conoscenza nelle ultime ore – ha commentato – Come tutti gli espedienti che ho usato per attirare l’attenzione, dalla scimmia al titolo particolare, devo dire che il ‘canovaccio’ arrotolato dentro ai pantaloni ha funzionato. L’avevo portato apposta da casa…”

E così, con questa battuta, il mistero continua…
 

Fai il test su Occidentali’s Karma!

 
[slickquiz id=173]

LA STORIA DEL PACCO DI FRANCESCO GABBANI
– È stato Alberto Dandolo tra i primi a “lanciare” un occhio sul pacco di Gabbani su Dagospia:

La infojata sala stampa di Sanremo in queste ore non parla d’altro. A catalizzare le attenzioni degli annoiati giornalisti in Riviera non è di certo l’andamento della gara canora o la segreta trattativa di Carletto il valletto con Mediaset. No.
La vera notizia è assai più gustosa e riguarda i 25 centimetri di virtù del cantante con gorilla a seguito Francesco Gabbani. Dalla eccitatissima Paola Jacobbi di Vanity Fair che posta il video del cantante sui suoi social ad un più esplicito Andrea Tomasi di Gente che scrive : “La regia mi informa che Gabbani ha 25 ottimi motivi per vincere” , sono tutti impazziti per le pudenda del’ex ragazzo prodigio dello scorso Sanremo Giovani. Si, prodigio della natura!
Pare che l’altra sera il livello ormonale dei giornalisti de noantri presenti a Sanremo sia giunto al suo acme quando Francescone si è esibito indossando un paio di pantaloni strettissimi e che non lasciavano alcuno spazio al dubbio.
Questa sera in sala stampa non parla d’altro. Insomma, i soliti discorsi del cazzo…