Apertura

Gaia Molinari: l'italiana strangolata nella spiaggia da sogno in Brasile

Gaia Molinari

Asfissia da strangolamento: sarebbe questo, secondo il sito brasiliano O Globo, il risultato dell’autopsia sul corpo di Gaia Molinari, la piacentina di 29 anni trovata morta ieri a Jericoacoara, a circa 300 km da Fortaleza. Paola Bonelli, proprietaria della locanda dove la giovane alloggiava, ha riferito ai media che dopo aver fatto volontariato con i bambini svantaggiati, Gaia avrebbe dovuto proseguire il suo viaggio per il Cile. La donna ha criticato anche il numero esiguo di agenti impegnati a Jericoacoara, località che ospita un costante flusso di turisti tutto l’anno e situata in una regione dove si sono verificati altri assalti.

Le spiagge di Jericoacoara
Le spiagge di Jericoacoara

GAIA MOLINARI A JERICOACOARA – Spiega il Corriere che Gaia è stata ritrovata in una delle spiagge più belle del Brasile:

Le spettacolari spiagge di Jericoacoara, a 300 chilometri da Fortaleza nel Cearà, sono un destino comune per i turist iitaliani nel Nordest brasiliano. In tanti sono rimasti a viverci, hanno aperto ristoranti e pousa das,ovunque si sente parlare italiano, pizza e spaghetti ai gamberi sono garantiti ai connazionali in vacanza. Gaia era arrivata qui il 21, insieme a una ragazza brasiliana conosciuta in albergo a Fortaleza. Il programma era passare tre giorni insieme, per poi tornare in città. La prenotazione delle due nella pensione Espaço Nova Era, di proprietà dell’italiana Paola Bonelli, scadeva proprio la mattina della vigilia di Natale.

A quel punto i programmi di Gaia cambiano:
 

Invece qualcosa è successo, perché Gaia ha rinviato la partenza, lasciando l’albergo nel pomeriggio del 24 per la sua ultima passeggiata al mare, mentre l’amica se n’è andata in autobus, e nemmeno troppo vicino. La polizia l’ha rintracciata ieri a Canoa Quebrada, a ben cinque ore di viaggio da Jericoacoara. Si chiama Miriam França, è di Rio de Janeiro e di lavoro fa la farmacista. Al momento non è chiaro se la separazione improvvisa tra le due abbia a che fare o meno con il delitto. La brasiliana è stata interrogata nella notte di ieri.

Ci sono due sospettati:

La polizia orienta i sospetti su due ragazzi del posto, balordi si direbbe da noi, i quali già in passato avevano dato fastidio a turiste straniere. Uno di loro è stato fermato, l’altro non si trova. Due le ipotesi: l’italiana aveva conosciuto qualcuno e accettato una passeggiata in compagnia, oppure si è trattato di un agguato improvviso mentre era sola. Sotto le unghie di Gaia sono state trovate tracce di pelle, dalle quali sarà possibile risalire al Dna della persona con la quale la ragazza avrebbe avuto la colluttazione. Non si esclude un tentativo di violenza carnale.

gaia molinari jericoacoara 2
CHI ERA GAIA MOLINARI?
Improbabile che la ragazza sia stata uccisa per essere rapinata, visto che aveva lasciato pochi soldi in albergo.

Il sentiero dove è stato trovato il corpo è abbastanza frequentato: porta dal paese alla spiaggia di Pedra Furada, accessibile solo a piedi in una mezz’ora. Qui, davanti a un arco di roccia sul mare, i turisti si attardano spesso fino al tramonto. Gaia era nata e cresciuta a Piacenza ma viveva da anni all’estero. Dopo aver lavorato alla Maserati di Modena, nell’area della comunicazione, aveva accettato un incarico per la società a Parigi, dove si occupava di organizzazione di eventi. Nella capitale francese aveva preso la residenza, ma negli ultimi tempi, concluso l’ultimo lavoro, la ragazza si era spostata in Brasile, attratta dall’idea di lavorare nel volontariato. Ai parenti in Italia raccontava di aver iniziato a insegnare inglese a un gruppo di bambini a San Paolo e di voler imparare bene il portoghese prima di decidere se fermarsi.

gaia molinari jericoara 3
 
 
GAIA MOLINARI: FERMATO UN UOMO? –  Il presunto assassino di Gaia Molinari, la piacentina di 29 anni trovata morta il giorno di Natale a circa 300 km da Fortaleza, in Brasile, èstato fermato. Lo riferisce on line il Diario di Nordeste, titolando “Um homem foi detido suspeito de matar a turista italiana”. Il sito precisa che il sospettato viene attualmente trattenuto e interrogato nella stazione di Polizia della Delegacia de Prote‡o ao Turista-Deprotur di Fortaleza