Cronaca

Il bimbo investito a Marostica è uscito dal coma

bimbo marostica investito coma

Il bambino di 14 mesi investito a Marostica da Pietro Dal Santo, risultato positivo all’alcol test, è uscito dopo tre settimane dal coma. Il bimbo ha subito l’amputazione di parte della gamba.

Il bimbo investito a Marostica è uscito dal coma

Il racconto del Gazzettino:

Si è risvegliato dalcoma e ha guardato negli occhi mamma e papà, ma dovrà aspettare di essere grande per capire ciò che è successo quel maledetto venerdì pomeriggio e negli ultimi diciassette giorni. Arriva una buona notizia dal reparto di Terapia intensiva pediatrica dell’ospedale di Padova: non è più in pericolo di vita il bambino di quattordici mesi investito l’otto marzo nel centro di Marostica (Vicenza) da un artigiano di Thiene, subito arrestato perché scoperto ubriaco. Il bimbo è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico per amputargli una parte di gamba, ma ora i genitori possono tirare un sospiro di sollievo: durante il coma farmacologico non sono emerse ulteriori complicanze e il piccolo è quindi tornato vigile. «I medici hanno comunicato che si è svegliato e stanno sospendendo gradualmente i farmaci sedativi – conferma l’avvocato che assiste la famiglia, Giuseppe Padovan di Bassano -. È considerato fuori pericolo di vita, ma la situazione resta naturalmente molto complessa». È ancora presto, infatti, per le dimissioni dal reparto: i medici dovranno valutare nei prossimi giorni la presenza di eventuali conseguenze di tipo neurologico. Tre settimane di coma potrebbero nascondere brutte sorprese, a maggior ragione considerando l’età del bambino, ma dopo giorni di shock ora la famiglia vuol tornare all’ottimismo.