Costume

Ilaria D'Alessio risponde a Anna Tatangelo sulla fine della relazione con suo padre

Ilaria D'Alessio anna tatangelo

Dopo le dichiarazioni di Anna Tatangelo riguardo alla fine della relazione con Gigi D’Alessio, c’è una persona che si è voluta esprimere a riguardo e si tratta della secondogenita del cantante, Ilaria D’Alessio. Nata dal matrimonio con l’ex moglie, Ilaria ha vissuto a pieno la crisi e l’arrivo di Anna nella sua vita. Oggi ha voluto dire la sua sulle parole della cantante riguardo al padre e alla sua famiglia.

Ilaria non ha apprezzato il punto di vista di Tatangelo e in un lungo post sul suo account Instagram, ora rimosso, ha ribattuto alle parole dell’ex compagna del padre.
“Io ero piccola quello che stava accadendo alla mia famiglia mi era molto chiaro e comunque, qual ora non lo fosse stato, i giornali e le varie riviste gossip mi avrebbero ricordato ogni giorno quello che stava accadendo alla mia famiglia. Un periodo tra i più bui della mia di vita e, ovviamente, di una Donna (mia madre) che vedeva il suo castello, i suoi sacrifici e la sua famiglia buttati al vento. Oggi l’ennesimo articolo da leggere, con l’ennesime ca….e da dover buttare giù… o forse no? Mi sono detta: “in fondo io pure ero troppo piccola per poter parlare… oggi no! Oggi ho 26 anni”.

Anna Tatangelo spiega perché è finita con Gigi D’Alessio

Anna Tatangelo, intervistata da Vanity Fair conferma la fine della storia con Gigi D’Alessio (leggi qui). E racconta cosa è andato storto

“Neanche chiedo il mantenimento ogni mese”

La Tatangelo ripercorre i problemi che hanno costellato la relazione con il cantante. E nega che la rottura sia avvenuta per problemi economici:

All’inizio della nostra storia, quando mi hanno dato della sfascia-famiglie, della ruba-uomini, e tutti sparavano su di me nonostante proprio tutti sapessero che venivo “dopo” una storia già finita, pensavo che la scelta migliore fosse restare in silenzio. Per rispetto degli altri: Gigi, l’ex moglie, i figli. Ma adesso non ho più 18 anni, non sono più una ragazzina, e a 31 parlo. Perché se è vero che il tempo risponde al nostro posto, le bugie non mi stanno più bene: sono stanca di avere voci addosso.
Lui non è l’uomo più grande, ricco e famoso con cui mi sono messa e che ho lasciato ora per i problemi economici. Sono sempre stata indipendente, ancora di più oggi, che con un minore sarei potuta rimanere dov’ero, e invece neanche chiedo il mantenimento ogni mese. E no, non siamo tornati insieme; abbiamo un figlio, insieme, quello sì: è normale dunque che ci vediamo, anche a pranzo la domenica. L’esistenza non è fatta di vittorie, ma di risultati. E separarsi non significa per forza di cose odiarsi.

Non c’è un altro. Invece c’è la mancanza di un altro figlio, che Anna Tatangelo voleva. E Gigi no:

“Non c’entrano terzi. Litigavamo sempre più spesso, eravamo finiti ad andare a letto senza più dirci una parola, senza più darci neanche la buonanotte. E poi per il rumore. Gigi è il classico napoletano che vuole tutti intorno. Il salone era sempre pieno di gente. Cucinavo per 20/30 persone ma alla fine ho memoria di una sola vacanza veramente nostra, a Dubai, e le pizze mangiate a due si contano sulle dita di una mano.
Così un giorno gli ho detto: ‘Vogliamo allontanarci un attimo e capire? Me ne vado’. E lui non mi ha fermata”. E pensare che sarebbe tornata indietro se D’Alessio glielo avesse chiesto: “Le donne provocano. E le prime notti qui sono state il panico assoluto. Volevo venisse a riprendermi sotto il palazzo. E invece s’è perso sul Raccordo anulare”. A dividerli, oltre alle motivazioni sopra citate, il fatto che remassero verso lidi opposti:
Il matrimonio non è arrivato, neanche dopo il divorzio. E per me era importante. Come un altro figlio. Io l’avrei cercato. Ce lo chiedeva anche Andrea. Ma su una cosa così non si può navigare da soli. I remi sono due, e se si pagaia solo da una parte, la barca gira su se stessa. La cosa più difficile? Spostare Andrea. Spiegargli sentendo che aveva già capito tutto.