Apertura

Le Iene e Claudia, la ragazza con la misteriosa malattia senza nome

iene claudia (6)

Claudia è una ragazza che vive a Santeramo in Puglia dove frequenta il secondo anno di ragioneria. Ma non è questa la cosa più importante da dire su questa ragazza. Le Iene la vogliono aiutare, con l’iniziativa “Diamo un nome alla malattia di Claudia”. Perché?

iene claudia (1)
Claudia a quattro anni

Le Iene spiegano che il suo papà Gaetano, ogni giorno la accompagna a scuola, ma invece di andare a lavorare come tutti gli altri genitori del mondo, si ferma ad aspettare la figlia in macchina fino all’una, quando esce da scuola.
 
iene claudia (2)
Il papà di Caludia

 
CLAUDIA E LA MALATTIA SENZA NOME – Perché lo fa? Gaetano racconta che improvvisamente, quando la figlia aveva cinque anni, la bambina ha iniziato a sentirsi perennemente stanca. Claudia cade continuamente, vomita, anche prima di mangiare, ma i medici dicono che è tutto a posto. Gaetano e la moglie Tina girano tutti gli ospedali d’Italia, ma nessuno sa dare un nome alla malattia della bimba.
 
iene claudia (3)
 
La bambina non ha la Sla, non ha la Duchenne, l’unica cosa di cui i medici sono certi è che soffra di una malattia neurodegenerativa. Ma qeuale?
 
CLAUDIA E QUELL’URLO LA NOTTE DI DUE ANNI FA – L’episodio più grave avviene una notte di due anni fa, quando Gaetano sente un urlo. Claudia non respira più, viene portata in ospedale e operata d’urgenza, le viene praticata una tracheotomia. Le viene asportato un blocco di muco grande quanto una mela che si era depositato nei polmoni.
 
iene claudia (4)
Il papà di Claudia racconta quella notte

 
LE IENE: DIAMO UN NOME ALLA MALATTIA DI CLAUDIA – Ecco quindi l’idea delle Iene. Diffondere la storia che ha raccontato Gaetano, anche traducendo in inglese il video, e diffondendolo il più possibile attraverso i social network, sperando che qualcuno riconosca i misteriosi sintomi che affliggono la quindicenne, e a cui nessuno finora ha saputo dare un nome:
 
Diamo un nome alla malattia di Claudia
 
Claudia da quella notte non ha potuto più togliere il tubo alla trachea che le permette di respirare. Allora, dopo quella notte in cui ha smesso di respirare, è rimasta in rianimazione per due mesi. Da allora non riesce più a camminare, ma non ha perso la voglia di vivere, di andare a scuola, e di essere una quindicenne come le altre.
 
iene claudia (6)
Claudia oggi, all’uscita da scuola

La Iena Nina bacia la ragazza e la saluta con la promessa di diffondere il video con la sua storia in tutto il mondo. E di dar un nome alla sua malattia.
iene claudia (7)
Nina bacia Claudia e la saluta

 
 

Guarda qui (e condividi!) il video delle Iene: “Diamo un nome alla malattia di Claudia”