Cronaca

Litiga con il coinquilino per le pulizie in quarantena e tenta di ucciderlo

pulizie quarantena tentato omicidio bologna

La quarantena sta mettendo a dura prova i nervi di tutti gli italiani. A Bologna una lite per le pulizie si è trasformata in tentato omicidio

Litiga con il coinquilino per le pulizie in quarantena e tenta di ucciderlo

Il racconto del Corriere di Bologna:

È quanto successo lunedì sera in unacas adi via Salgari,dove tra due coinquilini gli animi si sono scaldati molto più deldovuto, fino all’arresto per tentato omicidio di un 32enne cosentino, Francesco Rugna. Questo, secondo la ricostruzione fatta dalla polizia, ha cercato di accoltellare uno dei tre ragazzi con cui vive, uno studente 26enne libanese, perché a sua detta non faceva le pulizie domestiche. Un litigio andato avanti per tutta la giornata.

 

Leggi anche: L’orgia in quarantena coronavirus

 

Fino a quando a cena, dove tutti avevano mangiato e consumato diversi alcolici, Rugna (che ha un precedente per spaccio), insofferente nei confronti del coinquilino, lo avrebbe provocato. L’altro per evitare di alimentare tensioni si sarebbe chiuso in stanza. Un gesto chel’italiano ha forse però considerato di ulteriore sfida. Così alle 22.30, quando il libanese è uscito, è corso a prendere un grosso coltello con cui ha tentato più voltedi colpire il ragazzo

Leggi anche: Il tipo che sputa sulla frutta del supermercato in emergenza coronavirus