WebstarZ

Un matrimonio infelice può spezzarti il cuore (letteralmente)

MATRIMONIO INFELICE

Un matrimonio infelice, non riuscito, non nuoce solo alla salute mentale, ma anche alla salute del cuore e delle arterie: e quelle più a rischio sono le donne sposate tra i 70 e gli 80 anni. Lo conferma (ma in molti se ne erano accorti da soli) uno studio condotto da ricercatori della Michigan State University e della University of Chicago, La ricerca ha riguardato 1.200 persone sposate tra i 57 e gli 85 anni, intervistate sulla qualità del loro matrimonio e sottoposte a check-up cardiocircolatori: si è scoperto che sopportare  un marito o una moglie ipercritici, irritanti e deprimenti fa più male al cuore (inteso come muscolo) di quanto faccia bene alla salute condividere una relazione coniugale soddisfacente. E le cose peggiorano col passar del tempo (anche perche’ a cavallo dei sessant’anni liberarsi di un marito molesto risulta meno agevole che a 35): lo stress su cuore e sistema circolatorio si accumula, e ha un effetto di moltiplicatore sul rischio di infarto, ictus, ischemia.
COSA TI SUCCEDE CON UN MATRIMONIO INFELICE – Questo è vero soprattutto per le donne, che secondo i ricercatori (il cui lavoro è pubblicato sulla rivista  Journal  of Health and Social Behaviour) tendono a “interiorizzare i sentimenti negativi”, e reagiscono spesso mortificandosi e perdendo il gusto della vita. Sarebbe opportuno offrire la possibilità di sottoporsi a terapia familiare anche alle coppie anziane, mentre in genere questa opportunità è solo appannaggio delle coppie più giovani. Invece è dopo i primi 40 anni che il matrimonio diventa davvero duro da digerire, e oggigiorno, grazie ai progressi  della medicina, arrivare al mezzo secolo di matrimonio è tutt’altro che raro – e qualche volta amarissimo.