In Evidenza

Succede solo da McDonald's! Le patatine con il dente umano dentro

MCDONALD'S

Hai voglia di patatine fritte di McDonald’s? Attento, perché forse potrebbe capitarti la stessa sorpresa che ha trovato un povero cliente sfortunato a Osaka, in Giappone: un dente umano, fritto insieme alle patatine.
VA A MCDONALD’S E TROVA UN DENTE – Spesso capita di rimanere shockati leggendo storie di ordinazioni al fastfood finite male, con vermi e altre sorprese poco gradevoli. Alcune sono bufale e altre no, ma il disgusto resta a tal punto che si giura mai più al McDonald’s… fino alla prossima volta. Forse però questa storia ti aiuterà a mantenere i tuoi buoni propositi per il 2015 e per un po’ dire basta ai fritti e al cibo spazzatura. A Osaka, in Giappone, un cliente ha trovato uno strano corpo estraneo nelle patatine che è risultato un dente umano, opportunamente fritto. A parte il fatto che il cliente stesso è padre ed è terrorizzato al pensiero che avrebbe potuto inghiottirlo il suo bambino, soffocando, ma insomma… che schifo!
MCDONALD'S
COME È FINITO IL DENTE A MCDONALD’S? – Il direttore del locale si è subito scusato con lo sfortunato cliente, precisando che a nessuno dei dipendenti manca un dente e che quindi non è accaduto nel locale stesso, ed è altamente improbabile sia successo in America, dove le patatine vengono confezionate e spedite. Va benissimo, ma allora da dove è uscito? Potrebbe rimanere uno dei misteri irrisolti del 2015, lo strano dente trovato nelle patatine.
MCDONALD'S
MCDONALD’S: CHE SFORTUNA IN GIAPPONE! – Fin’ora questa celebre catena di fastfood è sempre stata molto popolare anche in Giappone, ma ultimamente ne stanno davvero succedendo di tutti i colori. Oltre a questo caso del dente, a Misawa un cliente ha trovato un pezzo di vinile dentro i bocconcini di pollo. u-n caso simile è accaduto a Tokyo, mentre a Koriyama è stato trovato un pezzetto di plastica in un gelato questo dicembre. Sfiga o semplicemente controlli negligenti?

Leggi anche questo! Il McDonald’s che trasmette un porno per quasi un’ora