Cronaca

Mikaela Neaze Silva, la Velina di Striscia vittima di Cyberbulli di WhatsApp

Mikaela Neaze Silva striscia la notizia vittima fotomontaggio hot - 1

«È cominciato tutto di giovedì, circa un mese fa. Era qualche giorno che ricevevo messaggi di insulti sui social: non le solite frasi razziste (a quelle ho fatto l’abitudine) ma accuse molto più personali e dirette».  A parlare è Mikaela Neaze Silva Velina di Striscia La Notizia che ha denunciato ieri di essere da qualche tempo vittima di alcuni cyberbulli che hanno diffuso su WhatsApp alcune sue foto e file audio dal carattere pornografici e falsamente attribuiti dagli autori alla Velina.

Gli audio porno diffusi dai bulli non sono di Mikaela

Già da tempo la Silva –  che è nata a Mosca da padre angolano e mamma afghana ma che abita n Italia da quando aveva sei anni – ha denunciato di essere vittima di insulti e beceri attacchi razzisti. Per alcuni infatti il colore della sua pelle è un problema. Sui social si sono letti commenti come «Da Velina mora e Velina bionda si passa a Velina bianca e Velina nera, beh è anche logico visto che oramai l’Italia ha perso l’orientamento etnico», se non peggio. A quelli però, ha confessato ai microfoni di Radio Capital a TgZero di Vittorio Zucconi e Edoardo Buffoni, ci ha fatto purtroppo l’abitudine.

Mikaela Neaze Silva striscia la notizia vittima cyberbullismo audio hot - 1
Fonte: Instagram.com

Diversa è invece il caso di questi audio che circolano su WhatsApp. In questi file si sente una voce femminile, con un accento marcatamente lombardo vantarsi con un certo “Nick” delle sue imprese sessuali con alcuni calciatori dei quali poi non lesina particolari e dettagli intimi. Insomma gli autori di questo attacco personale a Mikaela Neaze Silva vogliono far credere a chi riceve il messaggio che la Velina è una “poco di buono”. Lei però non ci sta, quegli audio non sono suoi: «la voce non era la mia, la ragazza aveva un accento lombardo e il mio, se c’è, è ligure. E poi chiunque mi conosca, anche poco, sa che una ragazza che parla in quel modo non ha nulla a che fare con me, che io non sono così». Il punto è che ci riceve il messaggio probabilmente non lo sa, magari tende a prendere per buona la storiella di chi dice “senti cosa dice la Velina di Striscia”.
Mikaela Neaze Silva striscia la notizia vittima cyberbullismo audio hot - 3
Fonte: Instagram.com

Ed è proprio sulla base di queste considerazione che la Velina russa ha deciso di denunciare gli ignoti (per ora) che hanno messo in circolazione gli audio incriminati attribuendoli a lei. Mikaela ha raccontato che sulla vicenda «Si è mosso subito anche l’ufficio legale di Mediaset, che mi ha assistito anche quando ho presentato una denuncia contro anonimi alla Polizia Postale». E ha invitato tutte le donne che subiscono questo genere di molestie (perché di molestie si tratta) a denunciare tutto alle autorità competenti. Perché i cyberbulli vanno messi con le spalle al muro.
 
Foto copertina via Facebook.com