LOLstarZ

Le mutande? Per i maschi meglio perderle che indossarle

Le mutande? Inutili  e anche dannose, per i maschi, che scegliendo quelle sbagliate rischiano persino di mettere a repentaglio la propria fertilità, oltre a patire dermatiti, eczemi, funghi. Il motivo, scrive il Daily Mail,  è che quelle parti vanno tenute fresche e asciutte il più possibile: bisogna prendere esempio dagli scozzesi, che come si sa sotto il kilt non portano niente, e rimpiangere l’ecologica foglia di fico delle origini. Parola del dottor Adam Friedmann, dermatologo dell’ospedale londinese di Whittington, che mette in guardia gli uomini contro il rischio di intertrigine,  una patologia della pelle causata dal continuo sfregamento di due superfici corporee contigue. Il rischio è maggiore per chi fa molto esercizio fisico, perché il sudore (e i pantaloncini in tessuto sintetico) arrecano grave danno alla delicata pelle di quelle zone.
MUDANDA SI’, MUTANDA NO – E’ necessario indossare sempre e solo mutande comode, bianche (i coloranti danno allergia) e di cotone, evitando nylon, lycra e persino la seta, tessuti che schiacciano i testicoli contro il corpo, impedendo loro di respirare. Molti uomini poi sono allergici alla gomma dell’elastico e dovrebbero evitare gli indumenti che lo contengono, pena l’eczema da contatto, molto fastidioso e difficile da debellare. Poco pratici anche i boxer, visto che i testicoli hanno bisogno di essere sostenuti, oltre che di respirare.
regina
MUTANDE? MEGLIO SENZA – Secondo gli specialisti, il massimo sarebbe non indossarle affatto, le mutande: questo ridurrebbe il sudore, la compressione eccessiva e le irritazioni cutanee. Si fa così, oltre che in Scozia, anche in Indonesia, dove i maschi portano sarong che coprono le gambe e tutelano la pudicizia. Certo, questo imporrebbe di cambiare i pantaloni tutti i giorni, per motivi intuibili, e sarebbe poco pratico: ma almeno, raccomandano urologi e dermatologi, dormite senza mutande, dando modo al vostro fedele compagno di vita di prendersi una pausa rilassante.
scozzesi senza mutande 2
MA LA COSA PIU’ IMPORTANTE È… CAMBIARLE! – Chi pensa a un figlio, poi, deve sapere che la temperatura dei testicoli non deve superare i 35 gradi, un paio in meno della temperatura corporea: è proprio per questo che la natura li ha voluti esterni, ed è per questo che col freddo le parti intime maschili si contraggono, avvicinandosi al corpo  che è più caldo.. Un capitolo a parte va dedicato alla sacrosanta necessità di cambiarle ogni giorno, queste benedette mutande (mutatis mutandis, raccomandavano i nostri progenitori…): su un tessuto a contatto col corpo anche per poche ore si accumula una impressionante quantità di germi, per questo è bene indossarle pulite e subito dopo la doccia.