Cronaca

Il neonato di 20 giorni ricoverato per coronavirus a Bergamo è guarito ed è stato dimesso

neonata coronavirus brescia neonato coronavirus bergamo

Da Bergamo oltre a tante brutte notizie ne arriva una meravigliosa: il bambino di 20 giorni che era stato ricoverato all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo perché risultato affetto da coronavirus è stato dimesso.

Il neonato di 20 giorni ricoverato per coronavirus è guarito ed è stato dimesso

E’ stato il primo caso di bambino positivo al Covid-19. Il bambino era nato l’11 febbraio all’ospedale di Alzano Lombardo, epicentro dell’epidemia del Bergamasco, sano. Dopo alcuni giorni era sopraggiunta la febbre alta. Ricoverato dal 3 marzo, ora è stato dimesso. Anche la mamma il 3 marzo era risultata positiva, il papà negativo

Il Corriere spiegava :

Il piccolo, proveniente da Alzano Lombardo, in ValSeriana,è ricoverato da lunedì pomeriggio nella Patologia neonatale del Papa Giovanni XXIII. Era arrivato in ospedale manifestando sintomi respiratori tipici della sindrome. La direzione sanitaria definisce la sua situazione «non particolarmente compromessa», respira da solo, senza l’assistenza di macchinari. Comunque, sottolineano i medici bergamaschi, su questo caso «l’attenzione è molto alta». Il direttore della Terapia intensiva, Luca Lorini, conferma: «I malati tra i bambini sono molto rari e superano bene la malattia, in genere». Il primario lo dice con un sorriso, quella dei bambini poco soggetti alla malattia è l’unica buona notizia di una giornata per il resto sempre più complicata. Il neonato positivo al tampone proviene dalla zona più colpita dal contagio, la bassa Val Seriana.

L’assessore regionale in Lombardia Gallera aveva dichiarato, durante la conferenza stampa in video collegamento per fare il punto sulla situazione del Coronavirus, che il piccolo paziente, ricoverato all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo e risultato positivo al coronavirus “non è in una situazione particolarmente compromessa. E’ ricoverato in patologia neonatale, in isolamento. Respira autonomamente, è sotto osservazione ma non in una situazione particolarmente difficile”.