Cronaca

Nezira: la ragazzina di 14 anni scomparsa a Bari

nezira scomparsa bari

Una ragazzina di 14 anni di origine bosniaca, di nome Nezira, già affidata ai servizi sociali, è scomparsa 10 giorni fa a Bari. Ne dà notizia La Gazzetta del Mezzogiorno, collegando la scomparsa ad un possibile coinvolgimento nel presunto giro di prostituzione minorile sul quale sta indagando la Procura del capoluogo di regione. La foto della ragazzina scomparsa è sul sito web della polizia municipale di Bari. Secondo una prima ricostruzione, la ragazzina stava facendo acquisti in un supermercato in via Amendola ed era in compagnia della educatrice di una comunità in cui vive, quando all’improvviso è scomparsa nel nulla. L’educatrice non si sarebbe accorta di quanto stava accadendo. Non si sa ancora se sia trattato di un allontanamento volontario o se la ragazzina sia stata portata via da qualcuno.
La scomparsa di Nezira è la terza nella zona in poco tempo. La Gazzetta del Mezzogiorno spiega che anche altre due ragazzine sono sparite nello stesso modo. Le scomparse si inquadrano nel giro di baby prostituzione denunciata da Le Iene:

Poco prima dell’arrivo a Bari delle Iene – il 10 marzo scorso – i Carabinieri di Bari avevano arrestato l’8 marzo un 67enne sorpreso in macchina assieme ad un ragazzino di quindici anni al quale aveva promesso dieci euro in cambio di un rapporto sessuale. L’uomo accusato di aver “compiuto atti sessuali con un minore in cambio di un corrispettivo in denaro o altra utilità, anche solo promessi” è agli arresti domiciliari. Il 10 febbraio invece le forze dell’ordine avevano trovato, nei pressi del campo rom che sorge nell’area del San Nicola cinque bambini, la più grande di nove anni e la più piccola di appena uno, e un 13enne che erano stato trasferiti all’interno di una comunità protetta.
I bambini potrebbero essere stati portati lì da qualcuno o forse arrivati da soli (ma stando alle testimonianze raccolte dalle Iene è difficile sostenere che si prostituiscano di propria volontà), ma comunque non appartenevano al campo che si trova vicino allo stadio e che è stato sgomberato il 10 marzo. All’interno c’erano 30 persone (7 sono state denunciate) tra cui due ragazzine di 11 e 14 anni (ora in una casa protetta) che si sono dette “molto contente di essere portate via”

Foto di copertina da Polizia municipale Bari