Cronaca

Omicidio Alessandro Neri: le auto sequestrate e la lite con il cugino

omicidio alessandro neri omicidio

Il mistero dell’omicidio di Alessandro Neri sta per avere una soluzione? Il ragazzo ucciso a Pescara non si è difeso (leggi qui). Un segnale che indica che conosceva il suo killer (leggi qui)? Quando è uscito lunedì sembrava avesse un appuntamento, come ha raccontato Chi l’ha visto. Con chi? Secondo la mamma e chi lo conosceva bene se Alessandro avesse dovuto incotrare qualcuno che riteneva pericoloso o ostile avrebbe avvertito o si sarebbe fatto accompagnare
omicidio alessandro neri macchine sequestrate chi l'ha visto 1
Intanto sono state sequestrate due auto appartenenti alla famiglia di Alessandro.

Omicidio Alessandro Neri: la lite con il cugino

Il Messaggero spiega che le auto sequestrate saranno oggetto di indagine dei Ris. Così come quella di Alessandro trovata tre giorni dopo la sua morte parcheggiata nel centro di Pescara, davanti a una pizzeria:

Una Audi Q5 di famiglia e un Suv Mercedes aziendale sequestrate. Perquisizioni in varie proprietà immobiliari e altri sequestri eseguiti dai carabinieri di Pescara su ordine del sostituto procuratore Valentina D’Agostino, titolare dell’inchiesta. Ed ancora un’indagine patrimoniale sulla famiglia Lamaletto affidata al Nucleo di polizia tributaria delle fiamme gialle.

omicidio alessandro neri macchine sequestrate chi l'ha visto

Nell’inchiesta non figurano indagati e non ci sono certezze sul movente. La pista della faida familiare ha condotto ieri i carabinieri del colonnello Marco Riscaldati a casa di Gaetano Lamaletto, nonno 79enne della vittima, che da tempo si è ritirato nel suo Abruzzo portando con sè i frutti di un impero costruito in Venezuela nell’edilizia con la Balgres, oggi sotto il controllo del nipote Camillo e che a Orsogna ha fondato l’azienda vinicola Il Feuduccio.
E’ proprio qui che ieri è stata prelevata la Mercedes aziendale, mentre l’Audi è stata sequestrata nella villa dell’anziano capofamiglia, a Giuliano Teatino. Entrambe le vetture erano nella disponibilità di familiari tra cui suo nipote Gaetano junior, la persona che due anni fa è entrata in conflitto con il cugino Alessandro e con Laura, mamma della vittima, poi estromessi dalla gestione del Feuduccio. Gaetano junior ha preso il volo pare già da domenica 4, cioè dal giorno prima della scomparsa di Alessandro. Si troverebbe all’estero, forse negli Usa, ma gli inquirenti non confermano e intanto lo cercano per sentirlo.

Omicidio Alessandro Neri: la lite con il cugino

La pista della faida familiare perseguita dagli inquirenti oltre al sequestro delle auto e all’indagine patrimoniale punta sul cugino di Alessandro Neri, Gaetano. Da lui si spera di trovare delle risposte. Gaetano è partito dall’Italia un giorno prima della scomparsa del cugino. La macchina di Alessandro è stata ritrovata non lontano dall’abitazione di Gaetano a Pescara. Cosa significa?
omicidio alessandro neri appuntamento killer

La sua ultima lite con Alessandro era avvenuta di recente a quanto pare. Alessandro Neri avrebbe difeso la mamma, la sua famiglia: se vera, questa circostanza potrebbe far leggere con luce diversa i messaggi di Laura su Facebook, «Alessandro salvatore di uomini», «voglio vedere in faccia l’assassino e il mandante», comese avesse inquadrato cause e contesto del terribile fatto di sangue.
Altri dettagli: la famiglia di Gaetano Lamaletto junior avrebbe un appartamento in centro a Pescara a poca distanza dal luogo in cui mercoledì 7 marzo è stata ritrovata la Cinquecento cabrio rossa di Alessandro: ripulita e senza chiavi, che non sono state trovate addosso al cadavere. «Il giorno prima quella 500 non era qui» ha rivelato un pizzaiolo. Se, come si sospetta, Alessandro Neri era stato ucciso già lunedì, chi ce l’ha portata? O forse Alessandro era andato lì per incontrare il cugino? Risposte che i carabinieri sperano di ottenere da Gaetano junior. Intanto l’auto l’altro ieri è stata esaminata dal Ris. Gli stessi specialisti faranno accertamenti anche sulle vetture sequestrate ieri.

Secondo il pizzaiolo che lavora davanti al punto dove era parcheggiata la 500 rossa di Alessandro l’auto martedì non si stava lì. Quando è stata portata?