WebstarZ

Il padre che costringe le figlie a fare sport perché troppo grasse

padre sport figlie

E’ stato condannato a 9 mesi per maltrattamenti il padre torinese che costringeva le figlie a praticare sci agonistico e a mangiare cibi macrobiotici perché “troppo grasse”. Il giudice ha accolto la tesi del pm Barbara Badellino, che aveva chiesto dieci mesi. A denunciare l’uomo era stata la madre delle ragazze, da cui è separato.
IL PADRE CHE COSTRINGE LE FIGLIE A FARE SPORT – Il presunto sovrappeso veniva ricordato continuamente alle due adolescenti con insulti e parolacce. Il 50enne torinese avrebbe costretto le proprie figlie a praticare sci a livello agonistico, nonostante loro non volessero, e a seguire un’alimentazione esclusivamente a base di prodotti macrobiotici. Tutto per farle dimagrire. Ora l’uomo rischia una condanna a 10 mesi per maltrattamenti in famiglia. Il pm di Torino Barbara Badellino, che conduce l’accusa del delicato caso, gli contesta di avere turbato l’equilibrio psichico delle due ragazze.
TUTTO NASCE DALL’EX MOGLIE – Dal punto di vista tecnico, si è aperto nel 2011, quando l’ex moglie dell’imputato, in seguito a uno sfogo delle figlie, presentò un esposto in procura. Le figlie avevano riferito alla madre che il papà continuava a dire loro che erano “troppo grasse”, che dovevano dimagrire, che non potevano andare in discoteca. Per questo loro non volevano più “andare a stare con papà”, come prevedeva l’affidamento congiunto disposto dal tribunale. Per questo la ex moglie lo ha denunciato.