PopStarZ

Paola Caruso e la lite con Fabiana Britto: "mongoloide ti ho detto che sei cicciona e che devi stare zitta"

paola caruso fabiana britto rissa

Dopo la lite di una settimana fa tra Paola Caruso e Fabiana Britto, la conduttrice Barbara D’Urso ha ripreso in mano il discorso cogliendo l’occasione per imporre all’ex naufraga di chiedere scusa alla collega. Questo perché durante la rissa Paola Caruso avrebbe detto una frase troppo grave secondo la conduttrice: “Se io fossi stata grassa come te mi sarei suicidata”.
 

Paola Caruso e la lite Fabiana Britto: “mongoloide ti ho detto che sei cicciona e che devi stare zitta”

 
La showgirl si è difesa dicendo di aver detto la frase nell’impeto della rabbia e di non pensare davvero quello che ha detto affermando di essere lei “la prima cicciona”. Barbara D’Urso ha insistito dicendo che in televisione bisogna fare attenzione alle parole che si usano:

Su queste cose bisogna essere seri, stiamo parlando di grassi e magri, c’è gente che muore per anoressia perché in televisione passa il messaggio che bisogna essere magri magri magri. Io non ti ho sentita, ma se hai detto questa frase pretendo che tu chieda scusa adesso, perché essere grassi non è una cosa brutta e non deve portare al suicidio. Capisco che l’hai detto con legerezza, ma siamo in televisione e dobbiamo stare attenti a quello che si dice.

Paola Caruso ha pubblicato anche su Instagram una foto con un post di scuse rivolto al pubblico della trasmissione che poteva essersi sentito offeso dalle frasi dette da lei.


Successivamente Barbara D’Urso ha mandato il fuori onda che ha aggravato ancora di più la situazione di Paola Caruso che ha aggredito pesantemente la modella di playboy usando in modo dispregiativo il termine “mongoloide”.

Ah mongoloide, devi stare proprio calma zitta e a cuccia. Io ho fatto delle cose che tu non farai mai nella vita. Qua dentro non ci metti più piede, non hai capito dopo questo. Prima di parlare impara chi sono le persone. Ti sto dicendo che sei una cicciona e devi stare proprio zitta.