Apertura

Come scoprire se hanno rubato la tua password su Gmail

GMAIL

Ormai dovresti conoscere la storia furto delle password appartenenti ad account Gmail. Più di cinque milioni di indirizzi email potrebbero non essere più sicuri. Lifehacker ci racconta tutto: quasi sicuramente non si tratta di veri e propri indirizzi di Gmail, ma di password appartenenti a email collegate all’account. Ma, siccome la maggior parte dell’utenza usa la stessa password per tutti gli account posseduti, il rischio resta alto. Sei una delle vittime? Scoprilo subito!
GMAIL: COME SCOPRIRE SE TI HANNO RUBATO LA PASSWORD – Per prima cosa, entra su questo sito – te lo garantiamo, è sicuro – e inserisci il tuo indirizzo Gmail: a questo punto, saprai con certezza se è stato violato oppure no. Se sei stato sfortunato, come devi comportarti? Per prima cosa, avverti i tuoi contatti: quello non sei più tu ed è inutile e pericoloso aprire le “tue” email. Conterranno sicuramente virus. Se il danno è fatto, sarebbe meglio che diano una controllata al pc e che verifichino la sicurezza della propria password a loro volta. A questo punto, cambia password. Come renderla inespugnabile?

GMAIL
Le password rubate, c’è anche la tua?

GMAIL: GLI ERRORI DA EVITARE – Come creare una nuova password sicura? Per prima cosa, sappi che gli accorgimenti che usi spesso credendo di essere furbo sono sgamabilissimi. Una parola sola, un numero all’inizio o alla fine e un carattere speciale, magari tra i più comuni, rendono la tua password non più sicura del proprio nome seguito da tre numeri in ordine crescente. Statisticamente, è provato che le donne tendano ad usare nomi di persone, mentre gli uomini nomi di hobby. E allora, come difendersi? Semplice: differenziati dalla massa ed evita questi errori comuni.
GMAIL: COME CREARE UNA NUOVA PASSWORD – Ora che ti abbiamo avvertito, come creare una password sicura? Provane con una perfettamente casuale: una combinazione molto lunga di lettere, numeri e caratteri speciali a caso. ro7CSfac2V3p1 (ma non copiarla, non funziona!) va benissimo, se fosse ancor più lunga sarebbe perfetta. E smetti di usare sempre la stessa password per ogni account; non vale neanche cercare di differenziarla effettuando piccole modifiche, come il cambiamento della prima e dell’ultima lettera. Sarà molto difficile ricordarsele, ma almeno i tuoi account saranno – quasi – sicuri.