LOLstarZ

La piantagione di marijuana in salotto

Marijuana cannabis test

Una storia divertentissima su una piantagione di marijuana ospitata in un salotto a Ostia la racconta oggi il Messaggero:

Sembrava quasi una coltivazione di tipo industriale quella che ieri hanno scoperto i finanzieri del gruppo Roma2 a Ostia. Un intero appartamento all’ultimopiano di un palazzo che affaccia sul mercato comunale Appagliatore era occupato dal ciclo di produzione della marijuana: dalla nursery dei semi,alla crescita, all’essiccazione fino al confezionamento, il tutto eseguito con il massimo scrupolo e con l’ausilio di strumenti specifici.Le Fiamme Gialle di Ostia,agli ordini del colonnello Teodoro Gallone, a quell’attico da cento metri quadrati trasformato in serra ci sono arrivati mentre conducevano le indagini che hanno portato all’arresto di una famiglia di tre usurai, padre,madre e figlia, che ”lavoravano”nel mercato. Notando l’andirivieni di due vecchie conoscenze dedite allo spaccio dal portone di quel palazzo, gli investigatori hanno approfondito.

marijuana
E sono stati messi sulla giusta strada da un paio di ”soffiate” buone:

L’organizzazione, però, era talmente accurata che al momento di fare il blitz i finanzieri hanno avuto problemi a riconoscere l’appartamento giusto. La porta d’accesso era sigillata e nell’aria del pianerottolo nonc ’era traccia dell’odore tipico rilasciato dalle inflorescenze della marijuana. E’ bastato aspettare che i sospetti raggiungessero la casa e,dopo averli arrestati, fare irruzione. All’interno ciascuno dei sei vani era ”specializzato” in una delle fasi della lavorazione. All’ingresso l’incubatrice dei semi, nel salone le piante più piccole, in un’altra stanza quelle sul punto di maturare, in una saletta l’essiccazione, in cucina il confezionamento e nel bagno tutto il necessario per la coltura. Tutti gli ambienti erano collegati ad un impianto di insolazione artificiale, di ventilazione e di aspirazione dell’aria. Gli odori aspri venivano convogliati sul balcone.