Apertura

Con Picturemate puoi davvero vedere le foto nascoste su Facebook?

PICTUREMATE

Conosci Picturemate? Si tratta di un’estensione di Google Chrome che prima di chiamava Picturebook che promette che ti permetterà di vedere le foto nascoste degli utenti su Facebook. Immediatamente questa presentazione scatenerà il panico generale e si penserà che chiunque, amico o non, possa vedere le tue foto, ma in effetti non è proprio così. Non esiste nessuna applicazione che cambierà al posto vostro le impostazioni su Facebook, ma per quanto questa descrizione può essere fuorviante ha un fondo di verità. Esiste un tipo di foto nascoste di cui spesso ci dimentichiamo.
PICTUREMATE
PICTUREMATE: OCCHIO AI TAG – Ti è mai capitato di essere taggato in una foto orribile, di quelle che potrebbero farti vergognare per settimane, ma siccome non vuoi offendere il tuo amico ti limiti a nascondere il tag? In ogni caso, quelle foto rimangono sulla tua bacheca e e questa estensione riesce a scovarle, anche se si tratta di tag vecchissimi, specialmente se il tuo amico ha importato una privacy pubblica. Nulla di gravissimo se si confronta il tutto col mostrare qualsiasi foto a chiunque, ma potrebbe essere fastidioso e quindi cerca di prendere questi piccoli accorgimenti. Sei pronto? È davvero semplice.
PICTUREMATE
 
PICTUREMATE: COME PROTEGGERSI – Per prima cosa, se non vuoi che una foto sia riconducibile in alcun modo a te lascia stare la cortesia: il tuo nome non deve esserci da nessuna parte. Se un tuo amico ti tagga in una foto pubblica, ad esempio, potrà vederla chiunque, anche se non è tra i tuoi contatti. Quindi, per prima cosa, rimuovi la foto dalla tua timeline e poi staggati. In questo modo, neanche applicazioni come Picturemate potranno mai trovarla. Per essere più sicuro, dopo esserti staggato da tutte le foto indesiderate, vai su importazioni privacy e limita la visibilità dei tuoi vecchi post. Facile, no? Alla faccia di estensioni troppo ficcanaso!
 

Oltre a Picturemate, sta attento anche alla truffa con il Ferrero Rocher su Facebook