Cronaca

Claudio Marchisio vittima di rapina armata insieme alla moglie: rubati soldi e gioielli

rapina claudio marchisio

Claudio MarchisioRoberta Sinopoli sono stati vittime di una rapina a mano armata nella serata di ieri, martedì 29 ottobre, a casa loro. Verso le 21.30 una banda di cinque persone armate ha fatto irruzione nella villa della coppia pretendendo denaro e gioielli. Tanta paura ma almeno, per fortuna, non ci sono stati feriti. Ancora non si sa l’ammontare del bottino, comunque ingente. Vediamo i dettagli della rapina Claudio Marchisio.

Rapina Claudio Marchisio: cosa è successo

 

Visualizza questo post su Instagram

 

– BACK HOME – #goodnight🌙 @robysinopoli

Un post condiviso da Claudio Marchisio (@marchisiocla8) in data: 13 Ott 2019 alle ore 3:24 PDT

Serata di paura per Claudio Marchisio e sua moglie. I due abitano in una villa dell’hinterland di Torino (Vinovo), nel  villaggio di case “I cavalieri”. La zona è sorvegliata da un sofisticato impianto di telecamere che servirà ai carabinieri per identificare e catturare i malviventi ma che non è bastato a dissuaderli. La rapina a mano armata è avvenuta ieri sera attorno alle 21.30. Cinque persone sono entrate a volto coperto nella villa del calciatore, due armati di pistola e gli altri di cacciaviti, forzando una portafinestra. La coppia era in casa. Il calciatore e la moglie, secondo una prima ricostruzione, stavano vedendo la televisione sul divano quando si sono visti puntare una pistola alla testa. I criminali hanno intimato loro di consegnare il denaro e i gioielli contenuti nella cassaforte, che però non c’era.

Hanno girato la casa prendendo tutto quello che potevano, dall’oro ai gioielli passando per orologi e capi d’abbigliamento. I cinque si sono poi dati alla fuga col bottino senza ferire nessuno. Ancora in stato di shock Marchisio avrebbe avvisato immediatamente le forze dell’ordine. Non è chiaro se i figli fossero o meno in casa in quel momento ma, a quanto pare, i coniugi non hanno opposto alcun tipo di resistenza. I banditi sarebbero fuggiti a bordo di un automobile parcheggiata in una stradina del quartiere residenziale che porta verso Nichelino. La rapina è durata qualche minuto appena ma il bottino sottratto è sicuramente ingente, anche se ancora non se ne conosce l’esatto valore. Si rimane in attesa che i ladri vengano identificati e presi. Intanto tifosi, conoscenti e amici della famiglia hanno mostrato la loro vicinanza e il dispiacere per quanto successo.