Spettacolo

Il retroscena su Oney Tapia, il vincitore cieco di Ballando con le stelle

oney tapia vince ballando con le stelle ballerino cieco ballando con le stelle oney tapia

Oney Tapia ha vinto Ballando con le stelle nonostante la sua grave disabilità. L’altleta paralimpico è infatti diventato cieco dopo un incidente sul lavoro. Ma secondo Gente, che è andata a ripescare una vecchia intervista al Corriere del vincitore della gara di ballo tra vip, in realtà Oney avrebbe avuto un vantaggio sugli altri concorrenti:


è stato lo stesso Oney araccontare questo suo rapporto di vecchia data con il ballo. Lo ha fatto in un’intervista pubblicata nelle pagine sportive del Corriere della Sera, edizione di Bergamo, il 31 maggio del 2014. In quell’occasione, il campione che da anni vive a Sotto il Monte, paese dove nacque Papa Giovanni XXIII, in provincia di Bergamo appunto, ha parlato a cuore aperto del percorso che l’ha portato ad aggiudicarsi l’oro nel getto del peso alla sua prima partecipazione ai campionati paralimpici italiani di atletica.
Si è parlatodi sport, di rugby in particolare, disciplina che Oney ha dovuto abbandonare dopo il gravissimo incidente, ma anche di danza. «A Cuba ero un ballerino quasi professionista: salsa, bachata, rumba», dice testuale. Poi, l’incidente sul lavoro sembrava aver interrotto tutto. «Arrivato in Italia nel 2003, ho fatto molti lavori, dal muratore al giardiniere, mestiere che mi è sempre piaciuto». Oney era specializzato nelle potature di piante altissime.


«Me lo ricordo bene quel giorno: era il 25 maggio 2011, l’una di pomeriggio. Stavo abbattendo un pioppo alto 50 metri e io mi trovavo a circa 30 metri da terra. Mentre tagliavo l’albero, un ramo mi ha colpito in pieno volto. E non ho visto più nulla. Piano piano sono venuto giù e ho capito che qualcosa di grave era successo». Il verdetto dei medici non lasciò speranze: cecità da entrambi gli occhi. Una gravissima realtà, di fronte alla quale però Oney non si scoraggia. Oggi arriva a dire che per lui, quel fattaccio, è stata una liberazione, perché «ho cominciato davvero a vedere tutto ciò che prima non riuscivo a cogliere».
Ha di nuovo praticato sport, con i risultati eccezionali che tutti conosciamo, fino a conquistare la medaglia d’argento nel lancio del disco alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro del 2016. Eappena è stato possibile ha ripreso anche l’altra sua grande passione. «Ho ricominciato a ballare subito dopo l’incidente, ne sentivo l’esigenza. Lavoravo nei locali ma ho dovuto mollare: la gente non accettava che potesse esserci un ballerino non vedente. Mi hanno fatto arrabbiare, ma ora èacqua passata».
Dunque Oney non solo conosce alla perfezione, e da anni, i balli latini con cui ci ha emozionato con la sua maestra, ma sarebbe meglio dire collega, Veera Kinnunen. Ma, par di capire dalle sue parole, per un certo periodo questi balli sono stati per lui anche un lavoro, oltre che un semplice hobby.

Oney Tapia: l’incredibile ballo con il fratello del ballerino cieco di Ballando con le stelle