SexyStarZ

Rocco Siffredi potrebbe "incularti" se lo critichi per…

ROCCO SIFFREDI

Dura la vita per i grammarnazi oggi. Se il tuo hobby preferito è dar fastidio a chiunque osi pubblicare qualsiasi testo contenente un solo errore, fosse anche una svista o un errore di battitura, stai attento. Rocco Siffredi sta venendo a cercarti!
ROCCO SIFFREDI: LE PECORELLE – Tutto è cominciato un post in cui Rocco Siffredi annuncia che la Befana “a portato” due belle pecorelle, con tanto di foto di asinelli. Sì, proprio così, “a portato”, guarda tu stesso:
ROCCO SIFFREDI
I commenti dei fan grammarnazi si sprecano: non sono riuscita a contare in quanti, esattamente, gli fanno notare che ha sbagliato una H, ma credo che più della metà dei commenti sia a tema. “Rocco, la H, porcoidddiiooo!!!” “L’ignoranza è un lusso che non può permettersi nessuno!!!!!” “Si ma ‘a’, visto che è voce del verbo AVERE, vuole L’H!!!!chi è l’asino dei due?” e tantissimi altro dello stesso stampo. Qualcuno però fa notare che

Ma con Rocco nella foto… come fate a vedere se manca l’h? È un errore che io odio, ma Lui… lui oscura ogni errore con la sua bellezza.

E un altro invece ritiene che:

Secondo voi a rocco interessano i commenti sulla sua scrittura poveri fessi almeno lui si fa le fighe e voi no

In ogni caso, a Rocco tutta la faccenda non è andata giù e ha risposto con un bel video.
ROCCO SIFFREDI
 

ROCCO SIFFREDI: IL VIDEO – Rocco non è certo un tipo che si fa intimidire da quattro grammarnazi, e così poco dopo ha risposto con un video in cui fa notare come si siano fatti il sangue amaro per un errore idiota e come “questi grandi professori” abbiano “rotto il cazzo”. Aggiunge pure che ha sbagliato pure a scrivere pecorelle, visto che sono degli asinelli, ma forse i professori non hanno capito che volesse dire pecorine. In ogni caso, conclude tutto con un bel:

Però attenzione, perché la prossima volta che mi riprendete esco dal vostro schermo e vi inculo.

E adesso in quante commenteranno solo nella speranza che accada davvero?

Guarda il video con Rocco Siffredi: