Apertura

"Infilatevi il compressore…"

SELVAGGIA LUCARELLI rosalinda celentano

Ieri la storia del ragazzino napoletano che, a causa della propria obesità, è stato prima deriso da tre ragazzi più grandi di lui e poi violentato con una pistola ad aria compressa ha scosso il paese. Soprattutto dopo che i genitori del giovane arrestato hanno ribadito che fosse solo uno scherzo. Selvaggia Lucarelli ha detto la propria sul suo profilo Facebook.
SELVAGGIA LUCARELLI: INFILATEVI IL COMPRESSORE IN… – Per non essere volgare, Selvaggia Lucarelli chiede di ai genitori del ragazzo arrestato che sostengono si tratti solo di un gioco tra ragazzi (con dieci anni di differenza) finito male di infilarsi il compressore – spento – in bocca e tacere. Perché, se fosse figlio suo, avrebbe già avviato le pratiche per disconoscerlo. Non si tratta di una violenza sessuale mossa da un istinto animalesco, ma di un atto tremendo che ha come sfondo la discriminazione, lo scherzo e il disprezzo per la dignità di un ragazzino la cui una colpa era quella di essere obeso. Ma d’altronde, con genitori che lo difendono, come può essere venuto su il figlio? Ecco tutto il suo intervento.

Miei cari genitori del ragazzo 24 anni che ha infilato un compressore dell’autolavaggio nel sedere di uno di 14 perforandogli l’intestino (diamo un nome alle cose, che certe volte fa bene) e rilasciate interviste dichiarando che “era solo uno scherzo stupido”, fate una bella cosa. Infilatevi voi il compressore (spento, per carità) in bocca e tacete. Perchè quello che ha fatto vostro figlio non è neanche una violenza sessuale mossa da istinti animaleschi, ma una violenza sessuale, un atto vomitevole sul cui sfondo ci sono scherno, discriminazione, sprezzo per la vita e la dignità umana. Non ha commesso solo un crimine, il vostro bel figliolo, ma ha commesso un crimine schifoso. E se io fossi al posto vostro altro che difenderlo, avvierei le pratiche per disconoscerlo, il burlone. In alternativa, tacete, datemi retta, perchè poi viene il dubbio che non sia proprio diventato così per caso.

SELVAGGIA LUCARELLI: I GENITORI LO DIFENDONO – Anche noi, ieri, abbiamo raccontato la tremenda vicenda del ragazzino napoletano sodomizzato con una pistola ad aria compressa perché al suo aguzzino non andava giù che fosse tanto grasso. Il principale responsabile dell’aggressione è già stato fermato per tentato omicidio e, intervistati, i suoi genitori sostengono che si sia trattato solo di uno scherzo innocente finito male. “Non è un atto di violenza” sostiene la madre. E intanto, quel povero ragazzino è ricoverato in condizioni gravi e ha subito un intervento chirurgico per gravi lesioni al colon. Ma non è un atto di violenza, eh.
 

Dal Corriere TV, guarda il video dell’intervista ai genitori. Ecco perché Selvaggia Lucarelli si è arrabbiata: